Tari, Cesenatico dice addio alla riscossione Hera. La gestione della tassa sarà data in appalto

Il Comune di Cesenatico gestira' direttamente la riscossione e l'accertamento del tributo TARI entro il 2015 "per avere maggiore economicità, funzionalità, efficienza, efficacia ed equità nel servizio", spiega una nota dello stesso assessore

Il Comune di Cesenatico  gestira' direttamente la riscossione e l’accertamento del tributo TARI entro il  2015 "per avere maggiore economicità, funzionalità, efficienza, efficacia ed equità nel servizio", spiega una nota dello stesso assessore. Tale funzione era precedentemente svolta da Hera spa per conto del Comune. Hera si rendeva disponibile a svolgere esclusivamente l’attività di sportello e di riscossione ordinaria della TARI, demandando al Comune di Cesenatico l’onere di svolgere l’attività di recupero evasione delle somme dovute a titolo di TARES/TARI e questo rendeva estremamente complicata l’attività istruttoria da parte dell’Ente medesimo che non dispone neppure della banca dati TARES/TARI.

Per questo anche il Comune di Cesenatico ha fatto la scelta, già fatta da sette piccoli comuni del Forlivese, di modificare il servizio di riscossione. Tuttavia Cesenatico non intende creare uffici interni, in quanto la gestione della tassa sarà data in appalto: "Lo svolgimento del Servizio di gestione del Tributo Comunale sui Rifiuti (TARI) in forma diretta da parte del Comune avverrà avvalendosi di procedura negoziata ad evidenza pubblica per l’istituzione di un appalto di servizio che preveda sia l’attività di sportello che la bonifica dei dati". L’Assessore al Bilancio Lina Amormino conclude: “E' una scelta nata dalla necessità di semplificare le procedure per diminuire la burocrazia e quindi risparmiare. L’ottica dell’Amministrazione è sempre quella di pesare il meno possibile sui cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento