"Tassa di soggiorno anche a Cesenatico?"

In questi giorni uno degli argomenti più caldi è sicuramente il dibattito sull'introduzione della tassa di soggiorno. In campagna elettorale si è discusso molto di questo argomento

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

In questi giorni uno degli argomenti più caldi è sicuramente il dibattito sull'introduzione della tassa di soggiorno. In campagna elettorale si è discusso molto di questo argomento e tutti i candidati a Sindaco hanno affermato che, considerando la nostra realtà turistica, la sua applicazione sarebbe stata inopportuna e sbagliata. Ovviamente confidiamo che il sindaco Buda non si rimangi la parola data. Tuttavia, ci risulta che l’Amministrazione abbia dei problemi di bilancio e sia alla ricerca di nuove risorse. Il Sindaco Buda avrebbe evidenziato la mancanza di 2,3 milioni di euro per chiudere il bilancio 2012. Per questo motivo è stata avanzata la proposta di recuperare la cifra tramite l'introduzione di una tassa. Ecco che nasce il nostro dubbio: verrà inserita la tassa di soggiorno anche a Cesenatico, magari camuffandola con una tassa di scopo oppure ritoccando l'addizionale IRPEF comunale?

Inserire ora la tassa, dopo che gli alberghi e le associazioni hanno già sottoscritto molti contratti per la prossima stagione estiva, sarebbe una vera sciocchezza. Troppo facile mettere nuove tasse! Perché non si prova a risparmiare? Ci permettiamo di dare alcuni consigli. Se i lavori di manutenzioni ordinaria e straordinaria fossero appaltati con gara ad evidenza pubblica anziché affidarli direttamente a Gesturist si potrebbe risparmiare il 20% che porterebbe un'economia di gestione di circa 1,5 milioni di euro. Se si risparmiasse negli incarichi esterni, nelle assunzioni di Dirigenti e dipendenti amici si risparmierebbero migliaia di euro. Se si tagliassero molti sprechi e molte clientele si risparmierebbe ancora di più. Infine, senza alcun dubbio grande importanza la merita anche la lotta all'evasione fiscale.

Il Comune è in crisi economica e la causa principale è da imputare alle Amministrazioni precedenti che hanno fatto lievitare il debito comunale. Tuttavia, se negli anni precedenti il Sindaco Buda, il vicesindaco Righi, gli Assessori Tavani e Bernieri, il presidente Soragni avessero controllato i conti Gesturist e le cessioni patrimoniali, che sarebbe dovuto essere il loro compito, non ci troveremmo con 53 milioni di debiti e un Comune allo sbando. I cittadini di Cesenatico ogni anno versano, a vario titolo, 22 milioni di euro di tasse, a cui vanno aggiunte le bollette Hera, le tasse provinciali, regionali e statali. Non se ne può più! Il vero cambio di rotta dov'è?

 

Alberto Papperini, Consigliere MoVimento 5 Stelle Cesenatico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento