Sub cesenate scomparso in mare da 3 anni: la rassegnazione dei familiari

Se nessuno si presenterà in tribunale entro i prossimi sei mesi per fornire informazioni sul disperso, il tribunale decreterà la morte del cesenate

Si era immerso nei fondali marini di Ancona, senza più risalire. L'avvocato Maurizio Benvenuto ha presentato richiesta di dichiarazione di morte presunta per Alessandro Pandolfi, il sub cesenate di 45 anni scomparso il 6 agosto del 2015. Quel pomeriggio di circa tre anni, secondo quanto ricostruito, il 45enne si era immerso da solo. In tarda serata un amico che attendeva il suo ritorno sul porto di Marina Dorica lanciò l'sos. Subito scattarono le operazioni di ricerca, che permisero di trovare e recuperare il gommone di Benvenuto a 15 miglia al largo dalle coste di Falconara. A bordo del natante vi erano anche gli effetti personali, un fucile da pesca, una custodia vuota di un fucile ed una cintura a pesi. Se nessuno si presenterà in tribunale entro i prossimi sei mesi per fornire informazioni sul disperso, il tribunale decreterà la morte del cesenate.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento