menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Studio avanzato sui lavoratori di Formula Ambiente determina la fatica degli operatori della raccolta dei rifiuti

Parte uno studio per calcolare in maniera oggettiva la fatica che comporta il lavoro di raccolta dei rifiuti Porta a Porta. Lo studio prende in considerazione diversi aspetti del lavoro e dell'individuo

Parte uno studio per calcolare in maniera oggettiva la fatica che comporta il lavoro di raccolta dei rifiuti Porta a Porta. Lo studio prende in considerazione diversi aspetti del lavoro, da una parte - tramite un rilievo gps in continuo - il tempo effettivo di lavoro, i carichi sollevati, le azioni che vengono ripetute durante il turno lavorativo (uscire dal mezzo, scaricare, rientrare nel mezzo), dall'altra i fattori della salute dell'individuo, vale a dire la sua età, la frequenza cardiaca (rilevata attraverso una speciale fascia toracina da applicare al petto ) e la sua capacità di ossigenazione, che è poi quello che determina il senso di affaticamento. Alla ricerca  parteciperanno l’Università di Ferrara Dipartimento di Scienze biomediche, la Clinica del Lavoro "Luigi Devoto" di Milano e Formula Ambiente Spa (azienda con base a Cesena che si occupa della raccolta dei rifiuti in numerosi comuni d’Italia).

La raccolta dei rifiuti porta a porta si effettua ormai nel 64% dei comuni italiani (ISPRA 2017) e, anche se assicura una miglior differenziazione dei rifiuti,  comporta un peggioramento delle condizioni di rischio degli operatori. Prima infatti, con la raccolta stradale, le operazioni venivano eseguite quasi esclusivamente dalle macchine, ora la componente manuale è tornata ad essere preponderante. Nello specifico del lavoro dell’addetto alla raccolta PaP, le azioni di traino e spinta dei contenitori  e il sollevamento dei mastelli creano una percentuale rilevante di infortuni sul lavoro che potrebbero essere limitati o eliminati se i turni e i percorsi venissero creati tenendo conto della “fatica” oggettiva che ogni percorso, nelle diverse stagioni, comporta.

Da questo mese e fino a luglio 2021, con questa inedita sperimentazione, si cercherà una correlazione fra i metodi previsti dalle norme sulla movimentazione manuale dei carichi, sollevamento e traino-spinta e gli indicatori di affaticamento fisico per meglio individuare i percorsi più idonei per gli operatori. Ciò permetterebbe di “calibrare” (anche modificandoli) gli itinerari di raccolta dei rifiuti per ogni lavoratore.

Inizialmente il test verrà effettuato su 10 lavoratori di Novi Ligure (tutti informati, volontari e con l’assenso dei sindacati di categoria) e successivamente verrà esportato negli altri luoghi dove Formula Ambiente opera. Ad ogni operatore verrà fornito un cardiofrequenzimetro da applicare al petto, non dissimile da quelli usati in attività sportiva, che indosserà per tutto il turno di lavoro.  Così facendo si raccoglieranno i dati del consumo di ossigeno, della frequenza cardiaca. Queste informazioni verranno confrontate a quelle del peso di ogni mastello o di bidone carrellato e la distanza cui deve essere trainato o spinto a mano dall’operatore. Il direttore di Formula Ambiente Marcello Rosetti sottolinea l'importanza dello studio "per organizzare il lavoro e tutelare i lavoratori", affrontando un tema spesso sottovalutato per i lavori che appunto vengoono considerati di fatica, vale a dire l'effetto del sovraccarico biomeccanico nelle normali routine lavorative, quelle che alla fine determinano appunto la fatica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento