Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Steward anti-Covid, la Uil attacca: "Lavoratori umiliati a causa di un subappalto figlio di nessuno"

"Lavoratrici e lavoratori, fra i quali tanti giovani, che a causa di un subappalto, hanno subito un calo di retribuzione oraria di due euro, per una tariffa oraria lorda di ben 4,70 euro"

Le camere sindacali della Uil di Cesena Forli Ravenna e Rimini, attraverso i loro segretari "esprimono sdegno sulla vicenda degli Steward anti Covid, posti all’ingresso degli ospedali dell’Asl Romagna. Lavoratrici e lavoratori, fra i quali tanti giovani, che a causa di un subappalto, hanno subito un calo di retribuzione oraria di due euro, per una tariffa oraria lorda di ben 4,70 euro".  

"Un “subappalto” figlio di “nessuno” - spiegano i segretari Marcello Borghetti, Enrico Imolesi, Carlo Sana e Giuseppina Morolli - con tanti rimpalli di responsabilità. Alcuni interventi pubblici si sono limitati a censurare il contratto nazionale di lavoro applicato, che è certamente carente, ma la Uil auspica,  che non si sfugga dal porre l’attenzione sul sistema di regole degli appalti. La regione Emilia Romagna ha sottoscritto con le organizzazioni sindacali un importante patto per il lavoro, che prima ancora che nella definizione di precise regole, sviluppa una etica, che si fonda sulla qualità del lavoro e sul rispetto della persona. Non si può quindi accettare che con il subappalto vi sia la possibilità di svicolare da queste regole, umiliando lavoratrici e lavoratori. Non chiediamo ai referenti istituzionali dei territori interessati, di assumersi responsabilità che non gli competono, non accettiamo però un velo di silenzi e neppure la ricerca di capri espiatori. Auspichiamo  che sia ristabilita urgentemente la giustizia nei confronti di queste lavoratrici e lavoratori, ripristinando il giusto compenso nonché  i livelli occupazionali per coloro che non hanno sottoscritto una proposta di lavoro così penalizzante".

Sulla vicenda sempre più 'calda' si era espresso anche il movimento politico Articolo 1-A sinistra parlando di "Articolo 1 in difesa degli steward del Bufalini: "forme di lavoro da vero e proprio sfruttamento, per quanto entro cornici legali“

Ma sulla vicenda degli steward anti-Covid erano intervenuti anche Filcams Cgil Cesena e Fisascat Cisl Romagna, che hanno parlato di "tante inesattezze che circolano. Sediamo ai tavoli di confronto e stiamo svolgendo l’ attività di tutela  dei lavoratori così come prevista dalla legge e dai contratti“.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Steward anti-Covid, la Uil attacca: "Lavoratori umiliati a causa di un subappalto figlio di nessuno"

CesenaToday è in caricamento