Cronaca

Al Manuzzi non solo calcio: spazio a meeting ed eventi. Previsto anche un ristorante

Con l’atto di martedì, infatti, l’Amministrazione comunale ha accolto la richiesta del Cesena di poter utilizzare il ‘Manuzzi’ anche per l’organizzazione di meeting, convention e altri eventi di scopo commerciale, sportivo, artistico, culturale

Via libera definitivo alle modifiche del contratto fra Comune di Cesena e A. C. Cesena per la concessione dello Stadio Manuzzi e ai lavori proposti dalla società per migliorare lo stadio. Martedì mattina la Giunta ha approvato le relative delibere e, a fine mattinata, il sindaco Paolo Lucchi ha incontrato il presidente del Cesena Giorgio Lugaresi per fare il punto della situazione alla luce dei due provvedimenti. La delibera di modifica del contratto ne aggiorna le clausole, a cominciare da quella che autorizza la società bianconera ad avvalersi del naming rights, cioè del diritto di denominare lo stadio con un marchio commerciale, e ad apporre negli spazi interni ed esterni dell’impianto i segni distintivi dello sponsor.

Nel provvedimento l’Amministrazione specifica che dovranno essere seguiti gli indirizzi votati nell’ultima seduta dal Consiglio comunale. E dunque, i contenuti del naming rights non potranno essere in conflitto con le normali attività istituzionali e non riguardino nè propaganda di natura politica, religiosa, sindacale, filosofica, né pubblicità diretta o collegata a tabacco, alcolici, nè messaggi offensivi, incluse espressioni di fanatismo e razzismo, nè materiale a sfondo sessuale o riferito allo sfruttamento di lavoro minorile o al gioco d’azzardo; per quanto riguarda il gioco d’azzardo, inoltre, è stato inserito il divieto di pubblicità sia allo stadio che a Villa Silvia (fatti salvi eventuali obblighi  con la Federazione e la Lega Calcio). Infine, sempre secondo quanto indicato dal Consiglio comunale, si raccomanda che il marchio commerciale da legare allo stadio vada cercato in prima battuta fra le aziende che hanno sede principale in Romagna.

Ma non è tutto: con l’atto di martedì, infatti, l’Amministrazione comunale ha accolto la richiesta del Cesena di poter utilizzare il ‘Manuzzi’ anche per l’organizzazione di meeting, convention e altri eventi di scopo commerciale, sportivo, artistico, culturale., ed ha concesso la possibilità di avviare negli spazi dello stadio un’attività di ristorazione a servizio delle iniziative ospitate nell’impianto. A completare il quadro delle novità che attendono lo stadio, la Giunta ha approvato delibera relativa ai lavori sull’impianto proposti dal Cesena Calcio, che ne sosterrà tutti i costi. Il pacchetto comprende una nuova configurazione delle sedute nel settore Tribuna Vip, l’ampliamento delle panchine e delle strutture a bordo campo, la sistemazione del giardinetto antistante la Sala Vip.

“Nella nostra città, il Cesena non è solo una semplice squadra di calcio, ma un pezzo importante della storia e dell’identità cittadina. Animata da questa consapevolezza, l’Amministrazione ha sempre guardato con attenzione all’operato della società – sottolineano il Lucchi e il vicesindaco  Carlo Battistini -, assicurando la propria collaborazione, sempre nel pieno rispetto delle regole. Oggi questa collaborazione è, se possibile, rafforzata  alla luce dell’impegno e dei risultati ottenuti dai bianconeri sul campo e fuori. A cementarla gli importanti segnali forniti dalla società, che ci ha comunicato di aver saldato tutte le rate insolute del mutuo contratto con l’Istituto per il Credito Sportivo e che sta espletando l’istruttoria per il rilascio della nuova fideiussione a favore del Comune. Ora ci aspetta un nuovo campionato di serie A, che offrirà nuovamente alla città una vetrina di prestigio non solo sotto il profilo agonistico, ma anche in termini di promozione turistica. Un’occasione che faremo in modo di giocarci al meglio”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Manuzzi non solo calcio: spazio a meeting ed eventi. Previsto anche un ristorante

CesenaToday è in caricamento