Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

I LibDem: "Sportello facile, ma solo per duecento pratiche su 566"

“Sportello facile” piace ai Liberaldemocratici, che accolgono con favore il nuovo modo di erogare i servizi comunali, concentrando ben 202 pratiche in un unico punto. Tuttavia, precisano in una nota, “tutto nuovo tuttavia non è"

“Sportello facile” piace ai Liberaldemocratici, che accolgono con favore il nuovo modo di erogare i servizi comunali, concentrando ben 202 pratiche in un unico punto. Tuttavia, precisano in una nota, “tutto nuovo tuttavia non è, visto che è la riedizione ampliata di quello sportello del cittadino di cui siamo stati attori, e contribuenti, negli anni scorsi. Tant’è, la riorganizzazione lanciata nel 2009, contenuta tra i punti di programma della giunta, ha compiuto un nuovo passo”.

E ancora in una nota: “La cittadinanza non si faccia prendere però da facile entusiasmo, perché è vero che si è dato gambe alla riorganizzazione, nell’erogazione s’intende, di 202 pratiche, ma ne ve ne sono altrettanti 364 che attendono di essere rivisitati, probabilmente non meno importanti. Già, perché le diverse pratiche censite dal Comune assommano ad un totale di 566. Di queste il 31% sono rappresentate da quelle dello Sviluppo Produttivo e Residenziale, il 21% da Servizi Demografici e Relazioni col Cittadino”.

Nello Sportello Facile è stato inserito tutto quanto può essere ragionevolmente disbrigato immediatamente, poco più di 196 di pratiche con disbrigo immediato e circa 18 quelli tra 1 e 5 giorni. Rimarca una nota: “Tuttavia son rimasti fuori oltre 140 tipologie di pratiche erogate tra i 30 e i 60 giorni, ben 201 tra 31 e 180 giorni, circa 3 oltre i 180 giorni. Da notare che in ogni raggruppamento per tempo di evasione il settore Sviluppo Produttivo e Residenziale è sempre ai primi posti, dall’inizio alla fine”.

“Ritorna ancora doverosa l’attenzione all’azione di miglioramento alla parte più corposa e vitale delle pratiche comunali, non soffermandosi troppo su quelle che forse già tanta attenzione hanno avuto sinora. Se si comprende come quelle sinora trattate, con non pochi sforzi economici, rappresentino la maggioranza dei servizi richiesti dalla cittadinanza, tuttavia buona parte delle restanti pratiche sono non meno importanti nel giustificare e sviluppare la presenza economica e sociale della cittadinanza tutta. Perché “Sportello facile” lo possa veramente essere per tutti, senza dover attendere un nuovo mandato di governo per compiere un nuovo passo, idee e proposte possono arrivare anche fuori da palazzo Albornoz, perché “fuori” il mondo già dovuto cambiato da decenni.Importante è non interrompere il circolo virtuoso del cambiamento che è stato innescato, purché la sua velocità sia pari a quella della società in cui viviamo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I LibDem: "Sportello facile, ma solo per duecento pratiche su 566"

CesenaToday è in caricamento