Blitz della Municipale, chiusa una "casa dello spaccio". Anche sesso in cambio di droga

Sulla base di quanto osservato dagli agenti, si ritiene che l'appartamento costituisse un'importante fonte di approvvigionamento di cocaina per la "piazza" savignanese

In via Mura c'era un viavai sospetto di persone a qualunque ora del giorno e della notte. Il tutto non è passato inosservato agli agenti della Polizia Municipale dell'Unione Rubicone e Mare, che hanno raccolto anche le segnalazioni dei residenti della zona a preoccupati per lo strano andirivieni a cui erano costretti ad assistere. Sabato sera è stato scoperto il perchè: da un piccolo appartamento veniva spacciata cocaina e marijuana. Il blitz ha permesso di arrestare il pusher: si tratta di un 38enne albanese, già noto alle forze dell'ordine, senza fissa dimora e privo di titolo di soggiorno in Italia.

L'extracomunitario era già arrestato dalla polizia locale in flagrante, sempre per spaccio, lo scorso 6 settembre. Da qualche tempo in disponibilità un piccolo appartamento nel pieno centro storico di Savignano sul Rubicone. Dopo le segnalazioni ed il viavai ad ogni ora del giorno e della notte, che non era passato inosservato agli agenti della polizia locale, è scattata l'operazione che ha portato all'arresto. Gli agenti si sono appostati nei pressi e, dopo avere visto il 38enne incontrarsi con un ragazzo e cedergli qualcosa, hanno deciso di intervenire. 
L'acquirente aveva appena comprato circa un grammo di cocaina. 

E' seguita l'irruzione nell'appartamento, dove sono stati altri 6 grammi di cocaina, già suddivisi in dosi, oltre a sostanze da taglio, attrezzature per il confezionamento della droga, 20 grammi di marijuana ed alcune centinaia di euro in contanti frutto dell'attività di spaccio. Il tutto é stato posto sotto sequestro. L'uomo abitava con una ragazza della zona, tossicodipendente, che, secondo quanto appurato dagli investigatori, pagava la cocaina con prestazioni sessuali. Il 39enne si trova in carcere a disposizione del pubblico ministero Fabio Magnolo. Sulla base di quanto osservato dagli agenti, si ritiene che l'appartamento costituisse un'importante fonte di approvvigionamento di cocaina per la "piazza" savignanese. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Medicina, moda e ricerca: le tre eccellenze cesenati per il premio Malatesta Novello

Torna su
CesenaToday è in caricamento