menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga coltivata nell'orto di casa all'insaputa degli anziani genitori: in manette

Nella casa di sotto gli anziani genitori ultraottantenni, nell'appartamento di sopra, invece, il "coltivatore diretto" che si era specializzato nella cannabis

Nella casa di sotto gli anziani genitori ultraottantenni, nell'appartamento di sopra, invece, il “coltivatore diretto” che si era specializzato nella cannabis, nell'orto di casa, infine, la piantagione.  E' il quadro che si è parato davanti ai poliziotti del Commissariato di Cesena durante la perquisizione in una casa di campagna, piuttosto isolata, che ha portato all'arresto di un cesenate di 53 anni per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

>> DROGA A CASA DEI GENITORI, GUARDA IL VIDEO <<

Il controllo è avvenuto in via del Confine, nelle campagne della zona di Montaletto e Pisignano. Il tutto è partito da un'attività di indagine preliminare da parte della squadra della Sezione Speciale del Caps di Cesena, diretta da Maria Rosaria Traino, una squadra operativa anch'essa operante per il controllo del territorio cesenate e con sede nel Centro di Addestramento della Polizia. Una volta appurato che la segnalazione non era infondata, è scattato l'approfondimento da parte degli agenti del Commissariato (in questi giorni diretto dal funzionario capo Giuseppe Romagnoli), che hanno effettuato una perquisizione domestica.

In casa l'Anticrimine ha quindi trovato un quantitativo notevole di stupefacente: 3,3 chili di cannabis in fase di essiccazione, il “raccolto” dell'orto di casa. Non solo: sono stati rinvenuti due recipienti con 190 grammi di marijuana pronta per il consumo e alcuni sacchetti di hashish, per 350 grammi di peso. Il 53enne, disoccupato, con precedenti per droga in gioventù, è quindi finito in manette. L'arresto stato convalidato ed è stato disposto dal giudice il mantenimento in carcere (pm Francesca Rago). Secondo quanto ricostruito dagli agenti dell'ufficio Anticrimine comandato dall'ispettore superiore Paolo Di Masi, l'attività di coltivazione e detenzione della droga avveniva all'insaputa degli anziani genitori, in una zona del terreno agricolo a disposizione della casa di famiglia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Un importante alleato in tempi di Coronavirus: il saturimetro

Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento