rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Savignano sul Rubicone

Lievita il numero di sanitari sospesi, scompiglio tra i pazienti dopo lo stop al medico savignanese 'no vax'

Disagi per i pazienti savignanesi per la sospensione di un medico no vax. Continua a lievitare il numero di dipendenti dell’Ausl Romagna sospesi perché non vaccinati

Disagi per i pazienti savignanesi esternati sui social per la sospensione di un medico no vax. Continua a lievitare il numero di dipendenti dell’Ausl Romagna sospesi perché non vaccinati, nell'ultima settimana sono passati da 202 a 219: 15 sono dirigenti (+1), 181 appartengono ad altri settori non specificati (+14), 23 lavorano in convenzione con l’azienda sanitaria (+2). Tanto che la direzione di Ausl Romagna ha rinnovato "un invito preciso a vaccinarsi agli operatori sanitari, che hanno toccato direttamente con mano le conseguenze peggiori che il virus comporta". L'ultimo caso tocca appunto e crea scompiglio tra i pazienti di Savignano. Lo stop è infatti arrivato per il dottor Gabriele Muratori, medico di base nella cittadina. "Cosa è successo al dottore?". Tam tam sui social per tanti pazienti in difficoltà, nella porta dello studio del medico savignanese 'no vax' è stato affisso un cartello che indica già la dottoressa chiamata dall'Ausl in sostituzione, con i relativi contatti telefonici.

Dai pazienti disorientati dall'improvvisa novità vengono ovviamente sottolineate le difficoltà conseguenti alle sospensioni dei medici che decidono di non vaccinarsi, non mancano i disagi per chi ha bisogno urgentemente di una prestazione sanitaria. E' lo stesso dottor Muratori ad intervenire nella conversazione su Facebook, nel gruppo sei di Savignano sul Rubicone se: "Se avete bisogno scrivetemi su Messenger - scrive il dottore - io sono stato sospeso perchè senza vaccino potrei diffondere il contagio, questo è lo spirito della legge, che se fosse stato rispettato per intero, io sarei ancora al mio posto, come da 40 anni faccio, e tutti lo sapete. In questi giorni ho pensato come riorganizzare l'assistenza e contattare avvocati che di fatto mi hanno preparato una articolata istanza di revoca della sospensione, tale è la mia volontà di ritornare. Al momento in ambulatorio non posso andare, ricette non le posso fare, ma consigli ed attenzione, sempre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lievita il numero di sanitari sospesi, scompiglio tra i pazienti dopo lo stop al medico savignanese 'no vax'

CesenaToday è in caricamento