Degrado in via Mura Giardino, partono gli esposti. Pronto il giro di vite della Municipale

Sono partiti due esposti: il primo presentato dalle suore dell'Istituto che gestiscono la casa di riposo per anziane in corso Ubaldo Comandini, il secondo da una quarantina di persone che abitano in zona

Schiamazzi, scritte blasfeme, disegni inopportuni, ragazzi che si siedono sul muretto di proprietà dell'Istituto Sorelle dei poveri di Santa Caterina da Siena e si comportano in modo maleducato: la situazione, dopo anni che va avanti in questo modo, non è più tollerabile per chi abita in via Mura Giardino. E infatti sono partiti due esposti: il primo presentato dalle suore dell'Istituto che gestiscono la casa di riposo per anziane in corso Ubaldo Comandini, il secondo da una quarantina di persone che abitano in zona. 

Anche la Polizia Municipale è stata coinvolta ed è consapevole della situazione, ma ovviamente è necessario che si approfondisca il problema in modo congiunto. Il sindaco, per conto suo, ha assicurato che al più presto verranno installate le telecamere, mentre Giovanni Colloredo, comandante della Municipale, afferma che "siamo pronti a farci carico del problema coinvolgendo anche eventuali soggetti esterni per essere maggiormente efficaci". 

Il comandante -s'intuisce- si riferisce a problematiche inerenti lo spaccio di droga a cui fanno riferimento i residenti e per il quale un lavoro congiunto con le altre forze dell'ordine sul territorio porterebbe sicuramente a risultati più efficaci. Per quanto schiamazzi, revisione della segnaletica, degrado, la Polizia Municipale, invece, sarà a disposizione come lo è sempre in tutte le varie parti della città, cercando di ottimizzare le risorse in campo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento