rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
L'emergenza umanitaria

Oltre 1200 profughi arrivati in provincia: nessuno si trova in centri di accoglienza

E’ quanto emerso dalla Cabina di regia regionale per l’assistenza ai profughi che si è riunita venerdì alla presenza del presidente della Regione, Stefano Bonaccini

Sono 17.637 i profughi arrivati in Emilia-Romagna dall’Ucraina, di cui circa 8mila minori. Quelli ospitati nella rete dei Centri di accoglienza straordinaria (Cas) sono 1.221. E’ quanto emerso dalla Cabina di regia regionale per l’assistenza ai profughi che si è riunita venerdì alla presenza del presidente della Regione, Stefano Bonaccini, della vicepresidente Elly Schlein, dell’assessore regionale alla Protezione civile, Irene Priolo, del sottosegretario alla Presidenza della Giunta, Davide Baruffi, e videocollegati prefetti, i sindaci delle città capoluogo, i presidenti di Provincia e i rappresentanti di Anci e Upi. Presenti anche i rappresentanti del Terzo settore e del volontariato, da oggi formalmente inseriti nella Cabina di regia così come indicato dal Dipartimento nazionale di Protezione civile.

Gli arrivi e l’accoglienza, per provincia

Nell’area metropolitana di Bologna, risultano arrivate 3.140 persone di cui 279 ospiti nella rete Cas. Per quanto riguarda gli altri territori regionali a Ferrara risultano arrivate 1.621 persone di cui 82 ospiti nella rete Cas; a Forlì-Cesena risultano arrivate 1.229 persone, nessuno ospitato nella rete Cas; a Modena risultano arrivate 2.377 persone di cui 62 ospiti nella rete Cas; a Parma risultano arrivate 1.093 persone di cui 19 ospiti nella rete Cas; a Piacenza risultano arrivate 1.244 persone di cui 27 ospiti nella rete Cas; a Ravenna risultano arrivate 1.080 persone di cui 265 ospiti nella rete Cas; a Reggio Emilia risultano arrivate 2.750 persone di cui 221 gli ospiti nella rete Cas; a Rimini risultano arrivate 3.103 persone di cui 266 ospiti nella rete Cas.

Informazioni sul web, anche in ucraino

Sul sito della Regione, la sezione con tutte le informazioni e la documentazione per l’accoglienza e l’assistenza sanitaria dei profughi, tradotta anche in lingua ucraina. Lo stesso i documenti richiesti (https://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/ucraina).

Sanità

Informazioni in lingua sono anche presenti anche su tutti i siti web delle Ausl. In Emilia-Romagna sono stati rilasciati 14.818 codici STP (Straniero temporaneamente presente), che consentono l'erogazione dell'assistenza sanitaria nei confronti degli stranieri privi di permesso di soggiorno.

La raccolta fondi

Prosegue la raccolta fondi promossa dalla Regione Emilia-Romagna per l’assistenza e aiuti umanitari ai profughi. Chiunque può versare - indicando con chiarezza la causale “Emergenza Ucraina” – al seguente Iban: IT69G0200802435000104428964. Dall’estero, codice Bic Swift: UNCRITM1BA2. Il conto corrente è intestato all’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile dell’Emilia-Romagna. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 1200 profughi arrivati in provincia: nessuno si trova in centri di accoglienza

CesenaToday è in caricamento