menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza al "Cubo": degrado e varchi aperti, si sale fino al terzo piano della scuola senza blocchi

In uno dei giorni che precede l'apertura della scuola CesenaToday è andata nell'edificio scolastico del "Cubo"

In uno dei giorni che precede l'apertura della scuola CesenaToday è andata nell'edificio scolastico del “Cubo”, che ospita il Liceo Classico e l'Istituto per Geometri in piazzale Sanguinetti, di fronte alla stazione ferroviaria. E' la scuola superiore più nuova di Cesena, realizzata appena una decina di anni fa. Eppure penetrarla è facilissimo, trovare riparo nelle ore serali pure, e qui bivaccare, consumare droghe e abbandonare oggetti pericolosi, come per esempio siringhe usate. Nel nostro sopralluogo non abbiamo trovato resti di alloggi di fortuna di clochard (come materassi abbandonati, cartoni etc), e neppure siringhe o resti di droghe, ma la scena di degrado è inquietante: angoli bui, anfratti nascosti, muri vandalizzati: uno “scenario urbano” da grande città in cui a stento si riconosce Cesena.

Ma quello che sorprende è la facilità con cui si penetra uin certe aree della scuola. Il parcheggio sotterraneo Sanguinetti è aperto al pubblico, il Comune chiaramente si premura con le strisce blu di incassare i soldi della sosta. Ma fino alla 21, orario indicato per la chiusura dei cancelli, il parcheggio è un'autostrada per risalire senza alcun motivo logico al cortile interno della scuola, anche quando fa buio alle 17. Noi ci siamo entrati avvalendoci solo delle porte aperte, anzi favoriti anche da un cartello che indica “Ingresso scuola”. Quindi siamo saliti senza alcun blocco nel cortile, una pertinenza scolastica chiusa da una cancellata al piano terra. Che motivo avevamo di stare nel cortile di una scuola? Proprio nessuno, tanto più che la scuola era ancora chiusa agli studenti per le vacanze.

> FINO AL TERZO PIANO DEL CUBO: IL VIDEO 

Ma non solo. I “buchi” della sicurezza del “Cubo” non finiscono qui. Una volta nel cortile si accede  a due scale esterne dell'istituto, perfino servite da un ascensore (in parte nno funzionante). Su ogni pianerottolo si affacciano delle porte di sicurezza che abbiamo trovato regolarmente chiuse. Tuttavia siamo arrivati fino al terzo e ultimo piano, affacciandoci ai balconi sul cortile della scuola, tutti trasformati in uno “sfogatoio” con le più svariate scritte. Quest'estate da una di queste balconate si è verificato il gesto crudele di alcuni balordi che hanno ucciso un cane, scaraventato giù nel cortile della scuola. Che motivo avevamo di arrivare fino al terzo piano di una scuola superiore? Ancora una volta nessuno, almeno per noi che non avevamo alcuna cattiva intenzione. Su ogni pianerottolo si affaccia poi la finestra di un'aula facilmente raggiungibile con un balzo.

Il Comune all'inizio di luglio, proprio per evitare tale degrado aveva annunciato la chiusura al pubblico  del parcheggio sotterraneo, salvo poi ritornare sui suoi passi a pochi giorni dall'inizio dell'anno scolastico. Se, infatti, il problema non sembra così grave, la nostra “passeggiata” dimostra quanto questo edificio scolastico sia facilmente accessibile a chiunque, anche quando è chiuso, nonostante in sede di progettazione si potesse tenere maggiormente conto delle esigenze di sicurezza, senza collegare un parcheggio pubblico alla scuola sovrastante in modo diretto. Si potrà obiettare che in gran parte delle scuole è sufficiente scavalcare la recinzione per risalire le scale di emergenza. Al Cubo, invece, non serve scavalcare niente, anzi c'è pure il cartello che indica l'ingresso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento