menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto repertorio

foto repertorio

Sicurezza, appello unitario dei sindacati: "Rafforzare organici e mezzi delle forze dell'ordine"

Cgil, Cisl e Uil hanno inviato un documento comune a sindaco e consiglio comunale in cui esprimono "forte preoccupazione"

Il tema della sicurezza è ormai da giorni al centro del dibattito dopo i recenti atti di criminalità, in particolare furti e aggressioni. I sindaci di 12 comuni hanno inviato una lettera al ministro degli Interni Matteo Salvini e al ministro della Difesa Elisabetta Trenta per chiedere un incremento delle forze dell'ordine sul territorio. Anche Cgil Cisl e Uil si allineano sulla stessa posizione rivolgendosi però all’Amministrazione comunale di Cesena.

I sindacati hanno inviato al sindaco e al consiglio comunale un documento sulla legalità e sicurezza cittadina in cui sottolineano come "la diffusa preoccupazione per il diffondersi degli odiosi furti e di gravi aggressioni, non è scollegata dalla preoccupazione per fenomeni malavitosi che si insinuano nel mondo degli affari economici. Se una collettività si distrae, si apre una profonda crepa sul fronte di tutta la sicurezza cittadina". 

 Secondo Cgil, Cisl e Uil "c’è un filo che collega i furti, con il fenomeno del caporalato, in quanto segnali di un potenziale degrado nella tenuta dei valori portanti di una comunità. L’illegalità, è un fattore che crea distorsioni gravi a inquinare i diritti fondamentali delle persone nel lavoro e nella vita quotidiana, altera la concorrenza, impoverisce il territorio, mina la coesione sociale, e crea quindi un terreno dove è anche più facile che si insinui la microcriminalità". 

Le sigle sindacali chiamano a raccolta tutti i soggetti del territorio, il mondo associativo e tutta la società civile, per "sottoscrivere un documento comune, attraverso il quale rivendicare un rafforzamento delle dotazioni organiche, mezzi e strumenti di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e ispettori del lavoro dedicati al territorio cesenate, nella consapevolezza che ci sono conclamate carenze". 

"La nostra idea è quindi quella di costruire un fronte comune, che sul tema complessivo della legalità, scelga di giocare la stessa partita, condividendo un auspicio che è prima di tutto chiesto a gran voce dai cittadini. Si tratta di un momento favorevole perché sono in previsione assunzioni sia nel comparto sicurezza che nel settore ispettivo (Itl, Inps, Medicina del lavoro) e in mancanza di un posizionamento chiaro di tutta la città e del territorio, sulle carenze di organici, esiste il rischio di ottenere un modestissimo risultato a danno dei cittadini e di tutta la comunità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento