Si torna alla normalità, chiude il reparto Covid del Bufalini: "Esperienza dura e toccante"

“E’ stata una esperienza professionale molto dura e toccante dal punto di vista umano, per tutti", così il dottor Beniamino Praticò, direttore dell’Unità Operativa Medicina Interna

Mercoledì è stato chiuso il reparto covid di Medicina Interna al sesto piano dell’ospedale Bufalini.  Un momento sicuramente importante, a testimonianza ulteriore di un graduale ritorno alla normalità. Trasformato a inizio emergenza in area covid 19 esclusivamente dedicata alla cura e all’assistenza di malati di coronavirus , dopo circa tre mesi, il reparto è pronto per tornare a poco a poco alla sua normale funzione.
Gli ultimi tre degenti covid positivi sono stati trasferiti in Lungodegenza, attuale reparto post-acuti  che rimane l’unica degenza ospedaliera covid dedicata, con una dotazione di 40 posti letto.

Anche il reparto di Anestesia e Rianimazione si è svuotato ed è tornato alla normalità così come stanno gradualmente tornando alle loro funzioni vari reparti specialistici.

“E’ stata una esperienza professionale molto dura e toccante dal punto di vista umano, per tutti – commenta il dottor Beniamino Praticò direttore dell’Unità Operativa Medicina Interna. Sento il dovere di ringraziare tutto il personale del reparto che ha svolto con grande professionalità un lavoro difficile per il quale ogni operatore ha dovuto attingere a risorse non solo professionali ma anche fisiche, umane e morali. 

“Devo dire – aggiunge Praticò - che sono molto orgoglioso dei miei collaboratori perché nelle settimane di massima emergenza, sono riusciti a gestire numerosi pazienti critici in due aree sub-intensive situate su piani diversi dell’ospedale. Un ringraziamento lo rivolgo anche a tutti i colleghi delle altre unità operative che hanno collaborato con noi, senza mai lasciarci soli a combattere questa dura battaglia, in particolare ringrazio i colleghi della Terapia intensiva e del Pronto soccorso con cui abbiamo condiviso la gestione dei pazienti più gravi. In tutti è prevalso un grande senso di orgoglio legato alla consapevolezza di svolgere un lavoro importantissimo e indispensabile”.

"Anche oggi i dati ci rendono ottimisti: sul territorio provinciale non si registrano nuovi casi di contagio e neppure nuovi decessi. A questa bella notizia se ne aggiunge un’altra: la chiusura del reparto COVID dell’Ospedale “Bufalini”. Sono grato al personale ospedaliero, ai nostri medici, infermieri e operatori sanitari. Il lavoro fin qui svolto è esemplare per tutti noi e deve portarci ad essere responsabili. Il vero grazie a tutti loro sarà il nostro buon senso". Così su Facebook il sindaco Enzo Lattuca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due anni di scavi per far emergere un pezzo di storia, anche il campo militare che ospitò Cesare

  • Lavori completati, riapre il supermercato: 700 metri quadrati, darà lavoro a 19 persone

  • Positiva una bambina di prima elementare, in quarantena 19 alunni

  • Coronavirus, nuovo caso a Bagno di Romagna: tamponi per i contatti stretti

  • Col monopattino elettrico in autostrada, scusa incredibile del ragazzo

  • L'evoluzione del virus, torna a muoversi il numero dei positivi nel Cesenate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento