Sgominata la banda dei bancomat. In manette una famiglia di giostrai

I carabinieri di Padova hanno sgominato una banda che aveva una particolare passione per i bancomat. Per gli investigatori hanno messo a segno diversi colpi anche nel cesenate

I carabinieri di Padova hanno sgominato una banda che aveva una particolare passione per i bancomat. Per gli investigatori hanno messo a segno diversi colpi anche nel cesenate, I diversi assalti avevano provocato agli istituti di credito danni per un totale di circa 2 milioni di euro, tra bottino in denaro e danneggiamenti infrastrutturali. Gli autori, componenti di un gruppo criminale specializzato negli assalti ai bancomat e casse continue con l'utilizzo di esplosivo, sono stati individuati.

Undici i provvedimenti restrittivi della libertà personale emessi dalla locale procura a carico di altrettanti soggetti appartenenti a famiglie “giostraie” ed eseguiti all'alba di mercoledì mattina in una vasta operazione dei militari dell'arma nelle province di Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Padova, Ravenna, Udine e Verona. 21 i colpi attribuiti alla banda, ai danni di altrettanti sportelli bancomat, nel periodo compreso tra il settembre 2012 e l'aprile 2013.

Evento clou per le indagini il 15 marzo di quest’anno. Al casello di Padova sud, sull’A13 i militari dell’arma notano una targa che a occhio nudo sembra di fattura artigianale e che al controllo in archivio risulta radiata perché appartenente ad una vettura demolita, montata su una vettura di colore scuro, di grossa cilindrata. La vettura nel frattempo giunge a Pisignano, Ravenna. Dopo pochi minuti, parte l’allarme di un’agenzia della Cassa di Risparmio del posto. I carabinieri del posto accorrono e, constatata la consumazione del colpo, si adoperano per localizzare i malviventi che, dopo il colpo, vengono rintracciati su vie secondarie tra le province di Ravenna e Ferrara.

I delinquenti, lo si scoprirà in seguito, hanno un secondo obiettivo da colpire quella notte, ma si sentono disturbati dal dispiegamento di forze e ritornano in autostrada a tutta velocità: c’è fretta di tornare a Cittadella, dove abita e deve fermarsi il “navigatore” della banda, prima di chiudere l’operazione a Santa Lucia di Piave, Treviso, dove abita, invece,  il capo del gruppo. Al casello di Padova sud i malviventi, speronata un’auto della polstrada, tentano la fuga a piedi attraverso i campi. Il “navigatore”, Daniel R., e i fratelli Erik e Goran M. vengono arrestate. Sfugge invece Joi M., imparentato con i due fratelli, per il quale però è solo questione di tempo.

Assicurati alla giustizia 3 dei 4 componenti della banda, le indagini si orientano negli ambienti dei “giostrai”. Dietro ai quattro soggetti individuati, costituenti il “braccio operativo”, si scopre una rete di contatti e di parentele, tutte riconducibili all’ambito dei giostrai di etnia Sinti, che consentono di delineare una vera e propria associazione per delinquere. Alle spalle dei soggetti “operativi”, sono state individuate le persone deputate a fornire supporto logistico, quelle preposte alla fabbricazione di ordigni e strumenti necessari per il compimento dell’illecita attività e quelle incaricate di gestire la conservazione e distribuzione dei proventi degli assalti. Il tutto reso molto saldo dai legami di sangue che ha accentuato l’atteggiamento omertoso all’interno del gruppo. Mente di tutta l’organizzazione è risultato Erik M., “operativo” ed autista del “commando”, capace di impartire disposizioni ai famigliari più vicini per gestire il patrimonio illecitamente accumulato anche dal carcere e che già aveva individuato il modo di impegnare fruttuosamente con investimenti immobiliari.

4 in tutto le misure cautelari in carcere e 7 gli obblighi di dimora eseguiti per il “reato di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti con utilizzo di esplosivo danni sportelli bancomat” . Gli arrestati sono: Goran M. 28 anni residente nel Trevigiano a Santa Lucia in Piave, il fratello Erik M., 30enne; Daniel R., padovano 34enne di San Martino di Lupari e Joi M., imparentato coi due fratteli, 29enne residente a Treviso. Quattro le donne destinatarie dell'obbligo di dimora, per lo più deputate alla custodia del denaro contante: M. S., 24enne di Mareno di Piave, Treviso; C. L., 28enne di Montebelluna, Treviso; L.S., 40enne di Lucca; L.P., 29enne di Santa Lucia in Piave, Treviso. Tre gli uomini destinatari dell'obbligo di dimora: G. R., 54enne di Caerano San Marco, Treviso; M.G. 54enne, di Santa Lucia in Piave, Treviso e I. S. 36enne di Lucca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'elenco degli assalti contestati all'organizzazione criminale: 8 ottobre 2012 a Piombino Dese tentato furto bancomat Credito cooperativo Trevigiano; 7 gennaio 2013 a Pontelangorino di Codigoro (Ferrara), furto bancomat alla Banca popolare di Ravenna per 18.650 euro; 19 gennaio 2013 ad Anguillara Veneta furto bancomat Unicredit per 17.160 euro; 19 gennaio 2013 a Longastrino di Argenta (Ferrara) furto bancomat Unicredit per 36.160 euro; 28 gennaio 2013 a Bulgarnò (Forlì-Cesena) furto bancomat Banca romagna Cooperativa per 16.570 euro; 28 gen 2013 a Cotignola (Ravenna) furto bancomat Cassa di risparmio di Ravenna per 20.450 euro; 9 febbraio 2013 a Santa Maria di Zevio (Verona) furto bancomat Banca Sella per 8.100 euro; 16 febbraio 2013, Consandolo di Argenta (Ferrara) furto bancomat Cassa di risparmio di Ferrara per 39.790 euro; 16 febbraio 2013 a Forlimpopoli (Forlì-Cesena) furto bancomat Banca popolare di Ancona per 250 euro; 18 febbraio 2013 a Gallo di Poggiorenatico (Ferrara) tentato furto bancomat Cassa di risparmio di Ferrara; 27 febbraio 2013 a San Daniele del Friuli (Udine) furto bancomat Unicredit per 21.100 euro; 28 febbraio 2013 a Sala di Cesenatico (Forlì-Cesena) furto bancomat Credito cooperativo per 19.360 euro; 28 febbraio 2013 a San Pancrazio di Russi (Ravenna) furto bancomat Cassa di risparmio di Ravenna per 12.880 euro; 2 marzo 2013 a Nogarole Rocca (Verona) tentato furto bancomat Banca popolare di Verona; 2 marzo 2013 a Rovereto sul Secchia di Novi di Modena tentato furto bancomat Banca di san Geminiano e san Prospero; 4 marzo 2013 a Sala di Cesenatico (Forlì-Cesena) tentato furto bancomat Credito cooperativo; 4 marzo 2013 a Savignano sul Rubicone (Forlì-Cesena) furto bancomat Banca romagna cooperativa romagna centro e Macerone per 4.900 euro; 4 marzo 2013 ad Alfonsine (Ravenna), furto bancomat Cassa di risparmio di Forlì e della Romagna per 27.690 euro; 16 marzo 2013 a Pisignano di Cervia (Ravenna) furto bancomat della filiale Cassa di risparmio di Ravenna per 14.120 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento