menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Serie di click sospetti per truccare il sondaggio del Movimento 5 Stelle

L'"hacker" si è appoggiato a strumenti che gli hanno permesso di bypassare il controllo del sistema che impedisce ad una stessa persone il voto plurimo. Ma l'esperto ha svelato il trucco

“Qualcuno ha messo mano al nostro sondaggio perchè l'andamento delle votazioni non gli piaceva. Sicuramente è un burlone che però getta delle ombre”. Per il M5S di Cesena i risultati del sondaggio sulla riorganizzazione della polizia municipale, pubblicato sul proprio sito, è stato viziato da una serie di click ignoti e sospetti. L'”hacker” si è appoggiato a strumenti che gli hanno permesso di bypassare il controllo del sistema che impedisce ad una stessa persone il voto plurimo. Tutti click a favorire del primo punto: “Sì, il servizio è migliorato”.

IL SOSPETTO A spiegare l'inghippo è la consigliera cinque stelle Natascia Guiduzzi in un video. “Il sondaggio è online e aperto a tutti dal sei luglio. Chiedevamo ai cittadini se secondo loro il servizio della Pm è migliorato, peggiorato o rimasto uguale. Dal sei luglio al sedici luglio hanno votato circa 120 persone. Poi abbiamo notato che 80 voti sono giunti tutti in un giorno e tutti erano a favore della prima risposta. Ci siamo insospettiti e abbiamo fatto analizzare il flusso di dati da un nostro tecnico”.

I NUMERI L'esperto ha svelato il trucco: sono stati utilizzati uno o piu servizi di anonimazione e reindirizzamento così da consentire a una persona il voto multiplo. Con questo schema ci sono stati 54 voti tutti sulla prima opzione. 42 sono stati registrati il 16 luglio, due il 19 e i dieci il 20 luglio”.
Come si possono smascherare i voti viziati? “Alcuni voti hanno come host telecom, vodafone, fastwebnet, quelli sospetti anonimizer, xmission tutti servizi di anonimazione e reindirizzamento. Dubito che ci siano stati così tanti voti dalla Germania o dalla Svizzera. Sono voti reali – continua - probabilmente fatti da una persona sola per votare più volte”.

Nonostante il tentativo di truccare il risultato del sondaggio sia stato smascherato, è ancora possibile votare ed esprimere la propria idea. “Abbiamo senso dell'umorismo quindi non chudiamo le votazioni, ma vogliamo denunciare una cosa scorretta”. Attualmente il tentativo è valso a poco visto che il 43% (103 voti) ha risposto che il servizio “è peggiorato”. In 88, pari al 37% hanno espresso favore.

LE RICHIESTE Ma cosa chiede il M5S nell'interpellanza? Il Movimento capitanato dalla Guiduzzi chiede più chiarezza circa l'esternalizzazione del servizio di gestione delle multe che è affidato alla Maggioli che a sua volta – secondo quanto riportato nell'interpellanza - ha subappaltato l’attività alla cooperativa sociale “Asso”. Come mai nel capitolato si parla di una media degli ultimi anni di 50.000 contravvenzioni che al prezzo di €.6 per contravvenzione corrispondono a €.300.000 annui per 5 anni, mentre  nella lettera di invito si passa a 60.000 contravvenzioni pari a €.360.000 annui per 5 anni,  salvo infine nella delibera di assegnazione dichiarare un impegno di spesa per il 2012 e il 2013 di €491.800 ?
Inoltre l'interrogazione chiede chiarimenti affinché siano verificati gli scopi alla base del bando d'assegnazione del servizio: “Una riduzione dei costi ed un vantaggio economico dovuto all’affidamento ad un soggetto esterno caratterizzato da una alta specializzazione; L’aumento della qualità dei servizi.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento