Contraffatta la birra preferita da Homer Simpson: sequestrate 12mila lattine di "Duff"

I militari della Guardia di Finanza di Verona hanno sequestrato 12mila confezioni di "Duff Beer" contraffatte ed ora indagano per risalire l'intera catena di falsificazione

I militari della Guardia di Finanza di Verona hanno sequestrato 12mila confezioni di "Duff Beer" contraffatte ed ora indagano per risalire l'intera catena di falsificazione. Le confezioni riportavano il classico segno distintivo, la lettera R cerchiata, che certifica la regolare registrazione di un marchio. Il prodotto era noto e conosciuto, visto che il principale consumatore di quella birra, è Homer Simpson, il particolare capo famiglia della serie di animazione statunitense, "The Simpsons".

Ma nessuna registrazione o autorizzazione era stata concessa per la produzione e la commercializzazione di una birra, venduta in bottiglie e lattine da 33 centilitri, la cui etichetta riproduceva peraltro le immagini realizzate presso gli studi della casa cinematografica americana Twentieth Century Fox, ideatrice e detentrice dei diritti di sfruttamento sulla birra di Homer e legittimamente stampate solo sulle confezioni in vendita presso gli Universal Studios di Orlando, in Florida.

La Fiamme Gialle di Verona, dopo aver riscontrato l'irregolare commercializzazione del prodotto in alcuni esercizi commerciali di Bussolengo, Cerea, Belfiore e Villafranca ha proseguito gli accertamenti presso un deposito di distribuzione di San Martino Buon Albergo, e poi nei confronti di due importatori della bevanda in Italia, a Torino e San Mauro Pascoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre al sequestro delle 12mila confezioni è stata accertata la commercializzazione irregolare di altre 96mila confezioni. I presunti responsabili della truffa commerciale sono stati denunciati per vendita di prodotti riportanti segni mendaci, idonei a trarre in inganno l'acquirente a causa della indiscutibile somiglianza con il prodotto originale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento