Sel: "A cosa serve il trasferimento di radiologia dalla Saub al Bufalini?"

"Come è ormai noto - scrive Sel in una nota -, la Direzione dell'Ausl di Cesena ha deciso di trasferire all'ospedale Bufalini i servizi radiologici fin qui svolti presso la ex-Saub, in corso Cavour. La scelta è a dir poco discutibile"

"Come è ormai noto - scrive Sel in una nota -, la Direzione dell'Ausl di Cesena ha deciso di trasferire all'ospedale Bufalini i servizi radiologici fin qui svolti presso la ex-Saub, in corso Cavour. La scelta è a dir poco discutibile, tenuto conto delle prestazioni alle quali quel servizio ha fin qui assolto, corrispondenti a circa mille radiologie mensili (12mila annuali). Si tratta di numeri importanti, tanto più se si pensa che la popolazione che ne ha usufruito è spesso composta da persone anziane, che in corso Cavour hanno fin qui potuto trovare una struttura efficiente e facilmente raggiungibile".

"La scelta dell'Ausl rientra nella logica di una progressiva centralizzazione dei servizi di radiologia presso il Bufalini. Questo concentramento ha prodotto un trasferimento delle risorse tutto a favore dell'Ospedale, impoverendo progressivamente le strutture decentrate: sia con la mancata sostituzione del personale che va in pensione, sia con la riduzione delle disponibilità finanziarie".

Sel aggiunge una serie di domande:
1. Che fine ha fatto la politica sanitaria, giustamente tanto cara al centro-sinistra, di decentramento dei servizi di base?
2. Una volta eliminata la Saub, quale destino attende gli altri centri periferici di Savignano, San Piero e Mercato Saraceno?
3. Questa chiusura, che implica il trasferimento di macchine, uffici e personale, è stata valutata attentamente nei suoi costi, rispetto all'indubbio disagio che produce nei cittadini, specie nella popolazione più debole?
4. Posto che i macchinari attualmente funzionanti alla Saub verranno trasferiti a Cesenatico e a San Piero, dobbiamo pensare che quelli in dotazione al Bufalini fossero sottoutilizzati? Oppure, che a parità di macchinari sarà praticamente impossibile far fronte a tutte le prestazioni (12mila annuali) finora garantite in corso Cavour?

Se così fosse, aumenterebbero a dismisura le liste di attesa, costringendo i cittadini a rivolgersi agli istituti privati. Non vorremmo, insomma, che il depauperamento delle strutture decentrate portasse al risultato di Cervia, dove tutti i servizi radiologici alla fine sono stati affidati ai privati. Staremo a vedere. Niente affatto passivamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento