Seggiolini anti-abbandono, è caccia ai sensori: "Bruciati in un'ora e mezza. Arrivano le prime multe"

Negozi per bambini presi letteralmente d'assalto e telefoni roventi: "La gente che chiama o viene in negozio è preoccupata"

"Non riusciamo a gestire tutte le prenotazioni che arrivano, è il delirio guardi. I sensori giovedì mattina sono terminati nel giro di un'ora e mezza". A rispondere così è il negozio per bambini Prenatal di via Pontescolle, che racconta la caccia partita ai seggiolini anti-abbandono con gli appositi allarmi che sono andati letteralmente a ruba. L'obbligo è scattato giovedì 7 novembre, e per chi non si adegua ci sono multe salate.

"Le aziende si stanno organizzando ma ci sono dei tempi tecnici per le consegne. Le nostre ripartiranno dall'inizio della prossima settimana. Le persone che chiamano o vengono in negozio sono nel panico, è stata una novità brusca anche se devo dire che noi da tempo avevamo dato l'informazione, ma probabilmente è stata sottovalutata perchè si pensava fossero concessi i 120 giorni. Alcuni ci hanno anche segnalato che sono state comminate le prime multe".

Il Decreto del Ministero dell'interno è chiaro: i dispositivi dovranno attivarsi automaticamente e dovranno essere dotati di un allarme in grado di avvisare il conducente della presenza del bambino nel veicolo attraverso appositi segnali visivi e acustici o visivi e aptici, percepibili all'interno o all'esterno del veicolo (potranno essere dotati anche di un sistema di comunicazione automatico per l'invio di messaggi o chiamate). Il Decreto ha stabilito le caratteristiche tecniche di questi dispositivi che potranno essere integrati all'origine nel seggiolino, oppure una dotazione di base o un accessorio del veicolo, ricompreso nel fascicolo di omologazione dello stesso oppure un sistema indipendente dal seggiolino e dal veicolo.

I dispositivi antiabbandono sono una sorta di tappetini che vengono inseriti nella seduta del seggiolino e i costi variano, a seconda della marca, dai 59 agli 89 euro circa. Online le cifre si abbassano di qualche euro. "Ci sono anche seggiolini che hanno l'antiabbandono già incorporato, ma sono poche le aziende a produrlo, e specialmente per i bambini più piccoli - evidenziamo i commessi - Noi consigliamo il 'tappetino' anche perché può essere utilizzato anche quando si cambia il seggiolino. C'è anche un'azienda che produce una specie di spilla da appuntare, ma è necessario ricordarsi di attivarla". In generale, i costi dei dispositivi sono abbastanza alti e non sono ancora scattati gli incentivi.

Inoltre, a rispondere a decine e decine di telefonate è anche la Polizia municipale, che ha avuto giovedì il centralino intasato dalle richieste dei genitori in ansia per capire come comportarsi ed evitare multe salate. L'Associazione Sostenitori e amici della Polizia stradale ricorda che chi non si doterà di questi dispositivi incorrerà nelle violazioni previste dall'articolo 172 Codice della strada con sanzione amministrativa da 81 euro a 326 euro (pagamento entro 5 giorni euro 56,70) e la decurtazione di 5 punti dalla patente. L'Asaps auspicava un margine di tempo maggiore interpretando la legge in modo più favorevole e con la concessione dei 120 giorni inizialmente previsti, ma per il momento così non è stato. L'aggiornamento in merito al Decreto è già disponibile nell'App Piattaforma Professionale Asaps.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pochi metri poi lo schianto, l'ultimo volo di Paolo: la passione smisurata per il deltaplano

  • Lastre di cemento si staccano dal cavalcavia e si forma un buco di un metro e mezzo: E45 chiusa

  • Lo schianto col deltaplano non gli dà scampo: uomo morto sul colpo

  • Incubo per una 11enne: entra in casa e si trova di fronte i ladri

  • Litiga con la madre e tenta il suicidio: 20enne salvato in extremis

  • Migliaia di uccelli sulla città, cinguettio assordante e auto bersagliate dal guano: la spiegazione del fenomeno

Torna su
CesenaToday è in caricamento