Scuole: il Comune pensa al rilancio del Centro di Documentazione Educativa

Alla fine di giugno il Centro di Documentazione Educativa (CDE) chiuderà, per riaprire a settembre. La chiusura è determinata da esigenze esclusivamente organizzative, ma i mesi di luglio ed agosto non passeranno nell’inattività

Alla fine di giugno il Centro di Documentazione Educativa (CDE) chiuderà, per riaprire a settembre. La chiusura è determinata da esigenze esclusivamente organizzative,  ma i mesi di luglio ed agosto non passeranno nell’inattività. L'Amministrazione comunale, infatti, ha già avviato un percorso di riorganizzazione e valorizzazione del CDE, coinvolgendo tutte le scuole della città, il coordinamento pedagogico comunale, l’Azienda ASL della Romagna, l’Università cesenate, i settori Scuola e Servizi sociali del Comune, la Provincia di Forlì-Cesena e l’Ufficio scolastico provinciale. Il prossimo incontro è previsto per il 7 luglio.

Il proposito è quello di avviare un dialogo aperto e partecipato sulle aspettative ed i bisogni dei ragazzi e delle ragazze che frequentano le scuole, del personale docente e delle famiglie cesenati, con l’obiettivo di rafforzare l’attività del CDE, rinnovarla e renderla più coerente alle aspettative della nostra comunità.
 
“Nelle nostre intenzioni – intervengono il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore ai servizi per le persone Simona Benedetti – il CDE deve divenire sempre di più luogo di analisi dei bisogni che nascono nelle scuole ma anche fulcro e anticipatore di nuovi processi organizzativi volti all’innovazione tecnologica e alla sperimentazione; esso può e deve essere punto nevralgico da cui avviare nuove prassi volte all’integrazione multiculturale ma anche base su cui rafforzare ed implementare la rete fra la scuola e tutti i soggetti pubblici e privati che in città sviluppano attività e servizi per i bambini, i ragazzi e le famiglie”.

“Senza dimenticare – proseguono Sindaco ed Assessore – il ruolo che ha sempre avuto, che deve essere molto potenziato, nella elaborazione delle attività di alta formazione e documentazione”. “Questo servizio – concludono Sindaco ed Assessore – che in tutti questi anni ha indubbiamente supportato i processi di qualificazione della scuola cesenate, oggi può sicuramente aiutare la nostra comunità a rispondere con più attinenza ai bisogni emergenti, anche aiutando le Istituzioni a rispondere alle nuove criticità economiche e sociali, che spesso sono anche emergenze educative e culturali”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento