Scuole, "Chi può doni un tablet o un pc": dal Comune l’appello al soccorso digitale

"Da fine febbraio insegnanti e Dirigenti scolastici hanno avviato una didattica a distanza per garantire la continuità di istruzione dei nostri ragazzi"

Cercasi Soccorso digitale. L’anno scolastico è destinato a concludersi virtualmente e, come anticipato dalla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, c’è la possibilità che il prossimo anno inizi con la didattica a distanza. Una modalità a cui professori e studenti dovranno farci l’abitudine ma che risulta di difficile fruizione laddove mancano le apparecchiature necessarie. Da qui l’appello dell’Amministrazione comunale di Cesena che, al fine di non lasciare nessuno indietro e di rendere a famiglie e ragazzi questo percorso più lineare possibile, chiede a tutti coloro che hanno un computer portatile in disuso o un tablet sul fondo della scrivania di metterli a disposizione degli studenti che al momento ne sono sprovvisti. Inoltre, l’Amministrazione comunale chiederà anche il supporto delle imprese del DIR – Distretto Informatica Romagnolo – perché chi ne abbia le condizioni, possa mettere a disposizione il materiale informatico, anche usato da rigenerare, purché funzionante e dotato di caricabatterie. Il progetto verrà gestito in collaborazione con Sprite, associazione degli studenti universitari di Ingegneria informatica dell’Università di Cesena, attraverso Trashware, che è già attivo per il ripristino e il riutilizzo di computer non più utilizzati.

“L’attuale emergenza sanitaria – commenta il Sindaco Enzo Lattuca – ha portato all’immediata chiusura delle scuole. Da fine febbraio insegnanti e Dirigenti scolastici hanno avviato una didattica a distanza per garantire la continuità di istruzione dei nostri ragazzi oltre che la fondamentale continuità di rapporti tra insegnanti e studenti. Le lezioni online però senza le adeguate apparecchiature possono diventare davvero complicate e non sono pochi i ragazzi che seguono la diretta del professore sul proprio smartphone. Questo processo infatti ha fatto emergere come numerose famiglie non dispongano di attrezzature adeguate, quali pc portatili o tablet, che consentano di seguire lezioni online, trasmettere materiale didattico dagli insegnanti agli studenti e viceversa trasmettere i compiti svolti agli insegnanti per le correzioni o più semplicemente avere contatti con gli insegnanti o i compagni di classe”. Oltre che alle imprese del territorio, la richiesta del Comune è aperta a tutti coloro (enti del terzo settore –associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, imprese sociali -, e altri soggetti associativi senza scopo di lucro come associazioni di categoria, rappresentanze, associazioni culturali e ricreative – nonché imprese private e cittadini) che intendono supportare le famiglie che non possiedono computer o tablet.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad oggi risultano circa 450 le richieste di devices raccolte dai Dirigenti scolastici per supportare le famiglie di bambini delle elementari e i ragazzi delle scuole medie. A livello nazionale e regionale si stanno disponendo misure economiche in tale direzione, ma non saranno sufficienti a coprire il fabbisogno del nostro territorio. Chi intende aderire può inviare una mail a info@trashwarecesena.it indicando l’hardware che si intende mettere a disposizione e il luogo presso cui poterlo ritirare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • La loro passione diventa un'avventura dolcissima: due amiche aprono una biscotteria-pasticceria

  • Dopo l'influencer al Grande Fratello Vip una cesenate a Uomini e Donne: "Voglio conquistare il tronista"

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, "focolaio" nell'azienda di consegne, 12 lavoratori positivi al tampone

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento