Scuola Valgimigli, la Regione libera oltre 1,3 milioni: "Una bella risposta per famiglie e studenti"

Complessivamente nella provincia di Forlì-Cesena vanno più di 14 milioni di euro per 6 scuole e 1 palestra.

Scuole più belle e sicure. Continuano gli investimenti per migliorare la qualità degli istituti in Emilia-Romagna: complessivamente, superano infatti i 135 milioni di euro le risorse che sono state stanziate in questi giorni per la nostra regione per realizzare 118 nuovi interventi straordinari di edilizia scolastica. In provincia di Forlì-Cesena vanno più di 14 milioni di euro per 6 scuole e 1 palestra. "Diamo davvero una bella risposta alle famiglie, agli studenti e ai territori - afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini - mettendo al centro il diritto allo studio, la serenità di ragazze e ragazzi e il dovere di metterli nelle condizioni migliori per crescere e conoscere".

"Parliamo di risorse certe e interventi già programmati, che riguardano tutto il territorio regionale. Investimenti che le stesse Province hanno indicato come prioritari e che la Regione, in tempi rapidi, ha approvato - continua Bonaccini -. Costruire nuove scuole e palestre, rendere quelle esistenti sempre più all’avanguardia e confortevoli, è un obiettivo su cui abbiamo puntato con forza in questi anni. Lo confermano i 320 milioni di euro investiti da inizio legislatura per qualificare il patrimonio di edilizia scolastica da Piacenza a Rimini, con centinaia di interventi già realizzati e tantissimi programmati in ogni provincia. Un piano che con questi nuovi investimenti non solo confermiamo, ma rafforziamo ulteriormente”.

"Dal 2015 in Emilia-Romagna è stato investito quasi mezzo miliardo di euro, per la precisione 455 milioni, in edilizia scolastica - spiega l'assessore regionale alla Scuola, Patrizio Bianchi -. Un risultato che premia la capacità progettuale e di programmazione della Regione, degli enti locali e delle nostre scuole, ottenuto grazie all’impegno che continuiamo a porre per garantire la sicurezza degli edifici ma anche l’innovazione della didattica e il benessere di studenti e docenti. Monitorare con sistematicità e in maniera puntuale i fabbisogni e le necessità dei territori è fondamentale. Un grande lavoro, che ora consente a Province e Comuni di proseguire la qualificazione già avviata del patrimonio scolastico, aprendo a breve nuovi cantieri". "L’innovazione didattica richiede una buona qualità di edilizia scolastica - sottolinea il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, Stefano Versari -. Non posso che esprimere apprezzamento, e ringrazio la Regione e gli Enti locali per l’impegno profuso in questi anni per le scuole del territorio".

Entrando nello specifico, vengono disposti 1.321.804,07 per la realizzazione della scuola "Valgimigli di Bagno di Romagna" su un importo totale dei lavori che si aggira a 4,2 milioni di euro. "Si tratta di risorse che danno una risposta concreta a numerosi studenti, famiglie e territori, e confermano - afferma il consigliere regionale Pd Lia Montalti - l’attenzione della nostra Regione per l’istruzione. Infatti, dal 2015 ad oggi, è stato investito quasi mezzo miliardo di euro per garantire la sicurezza degli edifici scolastici ma anche l’innovazione della didattica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Terremoto avvertito nel cuore della notte: epicentro nella pianura forlivese

Torna su
CesenaToday è in caricamento