Scuola, "Ritardi cronici nel pagamento degli stipendi": lettera aperta dei sindacati

Le sigle sindacali: "Più di 8.000 dipendenti pubblici del territorio provinciale infatti subiscono ritardi di mesi nel pagamento degli stipendi"

Arriva una lettera aperta delle sigle sindacali che denuncia problemi e ritardi nei pagamenti dei dipendenti delle scuole della provincia di Forlì-Cesena. Le sigle sindacali, l’Associazione Scuole Autonome di Forlì-Cesena e i dirigenti delle scuole polo di ambito territoriale 7 e 8 della provincia di Forlì Cesena hanno scritto "una lettera congiunta alla Ragioneria Territoriale dello Stato per chiedere un incontro urgente con il direttore, competente per le province di Forlì-Cesena-Rimini-Ravenna, dott. Gianluca Dente, in merito ai gravi problemi ormai cronicizzati relativi ad errori e ritardi nei pagamenti delle competenze spettanti ai dirigenti scolastici e al personale docente e non docente delle scuole della provincia".

Nella lettera al Direttore RTS Forlì-Cesena-Rimini si chiedevano chiarimenti: "su errata applicazione nei pagamenti spettanti ai Dirigenti Scolastici delle province di Rimini, Ravenna e Forlì-Cesena per i loro arretrati su Contratto Integrativo Regionale; su modalità applicate per i conguagli IRPEF per il personale dipendente delle scuole del territorio; su cause dei ritardi nel pagamento delle spettanze dovute a personale supplente breve del territorio, nonché su pagamento di ore eccedenti, assegni familiari e altro, su rispetto della puntualità nell’applicazione delle variazioni contrattuali (es. Part-Time, aspettative non retribuite, ecc.)".

"Più di 8.000 dipendenti pubblici del territorio provinciale infatti subiscono ritardi di mesi nel pagamento delle loro spettanze in merito a diversi adempimenti previsti dalla legge e dai Contratti Nazionali. Nella risposta pervenuta, le cause di questi ritardi vengono imputate dal direttore dott. Dente a una carenza di organico, della quale i firmatari congiunti (sigle sindacali, ASA FOCE, referenti di ambito territoriale di Forlì e Cesena) erano già consapevoli e offrivano il loro aiuto per la possibile soluzione".

"I firmatari hanno infatti più volte chiesto, a fronte dei problemi elencati, un incontro congiunto con il Direttore RTS, con l’ istituzione di un protocollo di comunicazione fra scuole e sindacati da una parte, e gli uffici della RTS dall’altra, proprio per aiutare la RTS stessa a dialogare con le scuole e con i sindacati senza dover interagire con i singoli dipendenti che spesso si recano di loro iniziativa presso gli uffici della Ragioneria esasperati. L’incontro e la comunicazione al momento ci sono stati negati".

"Denunciamo pertanto, che la situazione si è resa insostenibile: abbiamo anche messo a conoscenza con lettera separata gli enti dello Stato, in primis Ragioneria Generale dello Stato, della situazione, per risolvere al più presto i problemi di organico della Ragioneria Territoriale di Forlì-Cesena-Rimini, prima che questi ritardi nei pagamenti di quanto dovuto a 8.000 dipendenti dello stato determino gravi problemi finanziari che si ripercuotono anche sulla vita familiare".

I firmatari della lettera aperta sono: Per CGIL-FLC – Pier Francesco Minnucci, per CISL FSUR Scuola  – Maura Consoli, per Federazione UIL Scuola RUA – Maurizio Casadei, per SNALS CONFSAL - Luigi Sgarzi, per GILDA UNAMS FC – Aldo Cusmà, per ASA -FO.CE – Marco Molinelli, per scuola polo Ambito territoriale 7- Marco Molinelli, per scuola polo Ambito territoriale 8- Francesco Postiglione.

Potrebbe interessarti

  • 5 trucchi per sopravvivere all'estate senza aria condizionata

  • Aperitivi all'aperto a Cesena: ecco la top 5

  • Sagre di Romagna a giugno: gli appuntamenti più gustosi tra Cesena, Forlì e Ravenna

  • Sciamatura delle api, come affrontarla e chi chiamare

I più letti della settimana

  • Ballottaggio, Enzo Lattuca trionfa a Cesena con il 55,74%. Giovannini si conferma sindaco di Savignano

  • Travolta sulle strisce mentre porta a spasso il cagnolino: inutile la corsa al Bufalini

  • Cesena non cambia, notte di festa per Lattuca: "Una città che guarda al futuro e non al passato"

  • Dopo lo schianto contro una macchina agricola finisce nel fosso: muore all'ospedale

  • Ex assessore cesenate sceglie il Portogallo per vivere in pensione: "Qui meno tasse e meno stress"

  • Ecco il nuovo consiglio comunale, una maggioranza consistente per il neosindaco Enzo Lattuca

Torna su
CesenaToday è in caricamento