Scoperto un raggiro con un assegno postale clonato: azienda truffata di 5mila euro

Truffa con assegni postali clonati, che provengono molto probabilmente da un'organizzazione complessa

Truffa con assegni postali clonati, che provengono molto probabilmente da un'organizzazione capace di “intercettare” i titoli di pagamento che girano tramite la posta, clonarli cambiando l'intestatario e infine facendo sparire gli originali. A cadere nel meccanismo di questa truffa è stata un'azienda di Verghereto, che attendeva un cospicuo rimborso dall'Enel pari a circa cinquemila euro. Con grande sorpresa, attendendo il denaro che non arrivava, l'azienda truffata è venuta a scoprire dall'Enel stessa che il denaro risultava già riscosso da una persona, residente della provincia di Pescara, in un ufficio postale di quella stessa zona. E' quindi scattata la segnalazione alle autorità, che ha permesso ai carabinieri di Verghereto di individuare e denunciare per truffa il riscossore, spesso però ultimo anello di una catena ben più complessa. La ditta di Verghereto inoltre sarebbe stata risarcita da parte della stessa Enel.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento