Manuela Teverini, al setaccio l'ex cava di Bagnarola: anche i sub in azione

Sotto la lente d'ingrandimento degli uomini della Squadra Mobile di Forlì-Cesena c'è l'ex cava di Bagnarola

Continuano l'attività di ricerca relativa alla scomparsa di Manuela Teverini. Sotto la lente d'ingrandimento degli uomini della Squadra Mobile di Forlì-Cesena c'è l'ex cava di Bagnarola. Martedì sono intervenuti anche i sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Bologna, che hanno ispezionato il bacino, ma senza particolari riscontri. Ad assistere anche i familiari della donna di cui si sono perse ogni traccia dal 5 aprile del 2000. Mercoledì dovrebbero concludersi le trivellazioni della zona; al seguito seguiranno i controlli con il georadar del personale della Scientifica di Roma e con i cani molecolari. L'inchiesta bis sulla scomparsa di Teverini, iniziata lo scorso ottobre, vedono indagato per omicidio e occultalmento di cadavere il marito Costante Alessandri. L'ultima pista battuta dagli investigatori è un'area dove Alessandri conferiva rifiuti vegetali. La notizia è riportata sulla stampa locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento