Sciopero di Oss e infermieri, possibili disagi. L'Ausl: "Garantiti i servizi pubblici essenziali"

Dietro i motivi della protesta c'è la richiesta al Governo del rispetto della Legge numero 3/2018

Un nuovo sciopero interesserà il comparto della sanità. Martedì il Sindacato Professionale Human Caring ha proclamato uno sciopero nazionale di 24 ore del personale Oss, Operatori Socio Sanitari e Osa-Asa nonchè infermieri generici e puericultrici del settore sanità pubblica, privata e terzo settore. L'Ausl Romagna chiarisce che "saranno assicurati i servizi pubblici essenziali, nel rispetto della vigente normativa, attraverso l’individuazione dei contingenti minimi di personale a garanzia delle prestazioni indispensabili e non dilazionabili, equivalenti ai servizi minimi assicurati normalmente nei giorni festivi". Dietro i motivi della protesta c'è la richiesta al Governo del rispetto della Legge numero 3/2018 "per riconoscere il ruolo usurante della categoria, una categoria spesso non ascoltata e umiliata, ma anche riconoscimenti in merito al contratto nazionale, retribuzione e inquadramento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento