menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

SavignanoAttivi "sold out", i giovani volontari rispondono alla chiamata

Al centro estivo "Apertamente" di Zarepta viene chiesto ai volontari occuparsi di aiuto compiti, giochi, laboratori, animazione e uscite settimanali

Trenta posti subito “sold out” per l'esperimento “Savignano Attivi”, il progetto lanciato dallamministrazione comunale di Savignano per offrire ai ragazzi dai 16 ai 18 anni l'opportunità di “dare una mano” attivamente in contesti ricchi di allegria come i doposcuola estivi per bambini. Tutti i trenta posti a disposizione sono stati destinati ai ragazzi, che hanno scelto e contattato in prima persona i centri estivi aderenti all'iniziativa, talvolta optando addirittura per due periodi di servizio. Sette quindi i ragazzi impegnati con il centro estivo dell'Associazione Zarepta, 22 turni vengono coperti al centro sociale Uisp Valle Ferrovia e uno alla cooperativa sociale Montetauro.

I ragazzi potranno quindi destinare alcune ore delle loro settimane di vacanza estiva affiancando gli educatori in attività come aiuto nei compiti, affiancamento in qualche escursione e soprattutto gioco e divertimento, per imparare a prendersi cura dei piccoli e “fare la propria parte” nell'organizzazione del loro tempo extrascolastico. Grazie al loro impegno - fino a 25 ore settimanali per periodi di quattro settimane – i volontari otterranno un bonus economico da spendere poi nelle cartolibrerie savignanesi che partecipano al progetto, guadagnando con il loro servizio un gruzzoletto destinato all'acquisto di libri e cancelleria

“L'aggettivo “attivi” scelto per il nome del progetto - spiega il vicesindaco con delega alle Politiche sociali Nicola Dellapasqua - ha voluto significare anche che non sia stato il Comune a scegliere dove destinare i volontari, ma siano stati i ragazzi stessi ad attivarsi per conoscere le realtà disposte ad ospitarli e conseguentemente scegliere dove trascorrere il proprio periodo di volontariato. Ciascuno dei quattro centri estivi aderenti chiedeva ai volontari di dedicarsi ad attività diverse, che spaziano dallo sport al teatro, fino alla comunicazione sui social media. Ognuno ha quindi potuto scegliere non solo periodo e luogo, ma anche attività affini alle proprie attitudini”.

Al centro estivo “Apertamente” di Zarepta, infatti viene chiesto ai volontari occuparsi di aiuto compiti, giochi, laboratori, animazione e uscite settimanali. Al Joy Camp di Uisp Valle Ferrovia i ragazzi non solo giocano con i bambini e organizzano tornei sportivi, ma diventano reporter per documentare con foto e video le attività del gruppo. Infine il centro estivo che la cooperativa Metatauro propone al centro Italia-Cina presso l'istituto Don Baronio per l'integrazione dei bimbi cinesi: compiti, sport, danza, giocoleria e spettacoli sono gli ambiti per cui viene richiesto l'impegno dei volontari. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento