menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piccoli gruppi educativi, a Savignano debutta il micronido “casalingo”

“Crediamo che il piccolo gruppo educativo – spiega l'assessore ai Servizi scolastici del Comune di Savignano Nicola Dellapasqua – sia una risposta ai problemi non solo di chi non ha orari di lavoro standard"

Debutta a Savignano il primo “piccolo gruppo educativo” per bimbi da zero a tre anni, una soluzione sicura e qualificata che aiuta i genitori dei bimbi da zero a tre anni nella difficile conciliazione dei tempi di lavoro e vita familiare. Condotto da un'educatrice qualificata in un ambiente domiciliare idoneo e certificato, il “piccolo gruppo educativo” è una sorta di mini nido per 5-7 bambini allestito in casa e caratterizzato dalla massima flessibilità oraria.

La nuova iniziativa avviata dall'Unione Rubicone e Mare prevede che ogni educatore possa ospitare fino a cinque bimbi della fascia 0-3 anni, che possono diventare sette qualora sia presente anche una figura ausiliaria. La sede in cui viene effettuato il servizio deve rispondere a precisi requisiti strutturali e igienico-sanitario, valutati da un'apposita commissione multidisciplinare secondo i diktat stabiliti dalla deliberazione 85/2012 dell’assemblea legislativa regionale. Il titolo di studio dell'educatore, i requisiti necessari della sede e soprattutto il progetto pedagogico distinguono il piccolo gruppo educativo da un semplice babyparking, configurandolo a tutti gli effetti come un micronido dagli orari più elastici dell'asilo tradizionale.

Primo gruppo educativo sul territorio è “L'angolo tondo” di Savignano, avviato dall'educatrice Katiusa Fabbri presso la propria residenza in via Matteotti. “Il contesto - spiega l'educatrice - è assolutamente domestico, perciò con peculiarità diverse da un asilo nido. Per ogni bimbo si elabora un progetto pedagogico che tiene conto di queste specificità, garantendo inoltre la massima flessibilità negli orari”. Il servizio è infatti attivo ogni giorno dalle 7.30 alle 19.30, senza obblighi fissi di frequenza: ogni bimbo può partecipare solo in alcuni giorni o per alcune ore, a seconda degli impegni familiari. Anche l'inserimento può avvenire in qualsiasi periodo dell'anno, senza i vincoli di iscrizione degli asili nido. “Crediamo che il piccolo gruppo educativo – spiega l'assessore ai Servizi scolastici del Comune di Savignano Nicola Dellapasqua – sia una risposta ai problemi non solo di chi non ha orari di lavoro standard, ma anche di quelle madri che rientrano al lavoro in periodi dell'anno in cui non è più possibile iscrivere i figli al nido, senza contare le situazioni impreviste come infortuni dei nonni o di chi si prende cura del bimbo”.

Insieme all'albo delle assistenti di conciliazione, l'istituzione dei piccoli gruppi educativi fa parte di “Una tata in più”, il progetto di conciliazione dei tempi familiari e lavorativi avviato dall’Unione Rubicone e Mare per fornire strumenti di supporto all’organizzazione familiare. L’Unione, di anno in anno, in relazione alle proprie disponibilità finanziarie, può mettere a disposizione contributi di conciliazione per agevolare le famiglie con valore Isee sotto i 24mila euro, con contributi erogati in proporzione al reddito. Per info su “L'angolo tondo” è possibile contattare il 349 6805188.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento