Savignano in delegazione a Reggio Emilia per il Network delle Città del Dialogo

La bozza del documento scaturita dalla giornata di lavoro recepisce anche le proposte delle delegazioni comunali che vi hanno preso parte

Lunedì una delegazione del Comune di Savignano sul Rubicone composta dal sindaco Elena Battistini, dal consigliere comunale Maria Pia Forlani e da Valeria Gentili, responsabile del servizio Intercultura dell'Unione dei Comuni del Rubicone, ha partecipato all'incontro promosso a Reggio Emilia, città capofila del Network nazionale “Le città del dialogo” formato da 23 Comuni italiani tra i quali l'Unione dei Comuni del Rubicone.

Era presente per l'occasione il Ministro dell'Integrazione Cécile Kyenge che ha voluto incontrare i Comuni del Network per definire la bozza di un accordo finalizzato ad una “proficua e reciproca collaborazione tra il Ministero e le cIttà del Network attraverso lo scambio e la condivisione di informazioni sugli interventi realizzati nell’ambito delle proprie competenze, in materia di integrazione sociale delle persone migranti. L'obiettivo generale è quello di pervenire ad una più stretta collaborazione tra gli enti locali e il ministero”.

Partendo dalla constatazione che la presenza dei migranti nelle città italiane è una realtà consolidata e che il loro contributo alla vita economica, sociale e culturale è oggi un valore, la bozza del documento scaturita dalla giornata di lavoro recepisce anche le proposte delle delegazioni comunali che vi hanno preso parte. Il documento sostiene la necessità di superare le difficoltà nel percorso di cittadinanza e di accesso con pari opportunità agli studi, alla formazione, al lavoro e allo sport, andando oltre l’approccio emergenziale e adottando nel governo nazionale e nelle città una strategia che sappia indicare la via del dialogo interculturale come modello di convivenza e guida delle comunità.

Da qui, la promozione di azioni volte a definire una nuova legislazione e ad evidenziare il vantaggio della diversità culturale come elemento di grande potenzialità, soprattutto per i giovani, nel campo del lavoro, dell’istruzione e delle relazioni interpersonali. Il Protocollo si propone, inoltre, di promuovere incontri nazionali e internazionali con autorità ed enti, pubblici e privati, volti a supportare e favorire il programma Intercultural Cities del Consiglio d’Europa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questi incontri – afferma il Sindaco Elena Battistini – servono anche a sollecitare normative più attuali e precise per affrontare il continuo afflusso di migranti nel nostro paese, soprattutto profughi”. Tra le azioni possibili da sviluppare nei territori, è pervenuta dal sindaco Elena Battistini la proposta di attivare collaborazioni tra migranti e autoctoni nelle realtà sportive e di volontariato presenti nel territorio comunale, partendo della rivisitazione delle normative di accesso, in particolare per quanto riguarda le associazioni sportive. La bozza discussa - contenente i principi generali cui si vorranno ispirare le azioni sul territorio e le eventuali iniziative di legge - verrà ora stesa nella versione definitiva affinché l'accordo possa essere firmato dalle Città del Dialogo e il Ministero entro l'anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento