Savignano, il consiglio dei ragazzi presenta i progetti realizzati alla città

“Pensiamo che l'altro pensa” il motto da cui partire, guidati dal professore, per condividere pensieri e riflessioni su generosità, empatia e rispetto dell’altro

Primo anno di attività intenso ed incisivo per il “Consiglio comunale dei ragazzi” di Savignano, nato a dicembre 2016 e già attivissimo in città a 360 gradi. La seduta pubblica di mercoledì prossimo (alle 9 in sala Allende, corso Vendemini 18) sarà occasione proprio per raccontare alla città quanto fatto in questi mesi di impegno e scoperta della vita cittadina, e non solo: a parlare di altruismo con i ragazzi ci sarà come ospite Andrea Canevaro, l'accademico padre della pedagogia speciale in Italia, impegnato sui temi dell'inclusione sociale. “Pensiamo che l'altro pensa” il motto da cui partire, guidati dal professore, per condividere pensieri e riflessioni su generosità, empatia e rispetto dell’altro.

Spazio poi ai progetti avviati in questi primi mesi di lavoro dalle quattro commissioni che costituiscono il  Consiglio comunale dei ragazzi (Ambiente, Scuola e cultura,  Sport e tempo libero e  Cittadinanza attiva e solidarietà), ideati e costruiti insieme alle docenti e con il coordinamento del presidente del consiglio comunale Lorenzo Silvagni tramite lavori in classe, uscite didattiche e confronti con gli assessori “senior”. L'invito a Canevaro, per  esempio, è scattato proprio grazie al lavoro avviato in commissione sul bullismo, per approfondire un tema molto vicino ai ragazzi e tenere alta l’attenzione anche con magliette e iniziative pubbliche. Iniziative pubbliche come quelle a cui hanno partecipato in questi mesi il sindaco junior Giovanni Rossi e i consiglieri per far conoscere la nuova realtà del Consiglio dei ragazzi, come avvenuto a marzo a “Fiera Primavera”, per la cerimonia di ripristino del Tricolore alle scuole medie e durante il corteo del 25 aprile, in cui i ragazzi hanno dedicato letture e riflessioni ad hoc in ogni tappa del percorso.

E poi c'è il Parco del Rubicone, per cui i consiglieri hanno elaborato uno specifico progetto di arredo urbano e riqualificazione dopo incontri e sopralluoghi sul campo con gli assessori, e ancora la raccolta differenziata avviata in mensa a scuola, per avviare i rifiuti al percorso di smaltimento più corretto. In arrivo anche cartelli “promemoria” nei luoghi pubblici per invitare gli utenti a rispettare l'ambiente. E come fare invece la propria parte quando si parla di parcheggi se ancora non si ha la patente? I  giovani consiglieri non hanno esitato a prendere carta e penna per inviare a tutti i genitori una lettera che invita al rispetto delle regole nel momento, per esempio, di “sosta selvaggia” per l’entrata e l’uscita da scuola.  Infine, spazio a creatività ed espressività per la commissione che  ha ideato e sceneggiato lo spettacolo dedicando all’amicizia, portato in scena in due luoghi scelti non a caso dai ragazzi: casa di riposo e hospice.

“Non avevamo dubbi che il consiglio comunale dei ragazzi – conclude il sindaco Filippo Giovannini -  sarebbe stata un’esperienza formativa per i ragazzi, ma non ci aspettavamo che in così poco tempo potesse già diventare uno stimolo tanto efficace nella vita cittadina. Per noi amministratori già questi primi mesi di attività sono stati utilissimi per avere un dialogo diretto con i ragazzi capendo meglio le loro esigenze e le tante idee che hanno da proporre. Ringrazio le scuole e le insegnanti, ci hanno creduto fin da subito destinando attenzione ed energie al progetto: ora i ragazzi già vedono i risultati tangibili del loro impegno nella vita cittadina”.

A far parte dei Consiglio comunale dei ragazzi di Savignano sono Alfredo Torroni, Viola Lombardi e Sara Della Vittoria della prima G “Giulio Cesare”, Giovanni Rossi, Diego Martucci e Samuele Maria Auletta della seconda G “Giulio Cesare”, Federico Tondo, Tommaso Rollo, Silvia Bernocchi della quinta A “Dante Alighieri”, Mattia Vitali, Rebecca David, Omar Ayach della quinta B “Dante Alighieri” e Gabriele Baiocchi, Viki Moretti e Viola Paolucci della quinta “Rodari” di Fiumicino. Con loro anche i supplenti, pronti a sostituire gli eletti in caso di assenza: Emanuele Silvi (prima G), Simon Lazzari (seconda G), Gabriele Decarli (quinta A), Angela Ferraro (quinta B) e Simone La Salvia (quinta Rodari).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

Torna su
CesenaToday è in caricamento