menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Savignano: al via i lavori alla scuola media per il maxi progetto antisismico

Diciotto mesi di lavori organizzati in tre fasi, già elaborati tutti gli accorgimenti per non creare disagio alla vita scolastica

Cantiere pronto a partire alla scuola media Giulio Cesare di Savignano, che grazie al maxi finanziamento riconosciuto dallo Stato può dare inizio al progetto di messa in sicurezza antisismica da oltre un milione di euro. Terminata la fase di progettazione e i necessari sopralluoghi, da inizio aprile i lavori prenderanno il via secondo un cronoprogramma a stralci che limiterà al massimo i disagi alla quotidianità di studenti e personale scolastico.  “Ennesimo investimento sulle scuole, sui luoghi frequentati ogni giorno dai nostri ragazzi, per aumentarne sicurezza, funzionalità ed estetica. In questo caso si tratta di un intervento corposo – spiega il sindaco Filippo Giovannini - per cui è stata necessaria una programmazione molto accurata, in grado di conciliare l'avanzamento dei lavori con le esigenze scolastiche. Nei giorni scorsi abbiamo incontrato i genitori spiegando loro le diverse fasi di attuazione: qualche modifica alla vita quotidiana della scuola sarà inevitabile, ma non ci saranno interruzioni delle lezioni né disagi per il trasporto scolastico”.

Ad essere interessati dagli interventi saranno due dei quattro corpi che compongono l'edificio, nello specifico il blocco comprendente ingresso e aula magna e quello che raggruppa le aule lato Rimini, per complessivi 7.700 metri cubi. “In accordo con la direzione didattica  - aggiunge il vicesindaco con delega alla Scuola Nicola Dellapasqua – verrà predisposto un unico ingresso su via Galvani, da cui i ragazzi, tramite percorsi protetti isolati dal cantiere, potranno raggiungere aule e laboratori nelle diverse ali dell'edificio”.

La prima fase di lavori, più corposa, riguarderà il corpo 2, interessato da lavori appunto da inizio aprile a fine novembre. Da dicembre 2017 ad aprile 2018 i tecnici si sposteranno al corpo 3, sulle aule che si affacciano sul lato via Emilia, mentre da maggio a metà settembre, prima della ripresa delle lezioni, si interverrà sempre sul corpo 3 sulle aule verso la stazione. “Insieme a progettisti, coordinatore della sicurezza, Ausl e Ispettorato del lavoro - aggiunge l'assessore ai Lavori pubblici Stefania Morara - sono state predisposte le planimetrie di evacuazione con l'individuazione di vie d'uscita e punti di affollamento in relazione a ciascuna fase di esecuzione lavori, garantendo sempre la massima sicurezza”.

Il primo fabbricato della scuola risale agli anni Trenta, e include la palestra vincolata come esempio di architettura razionalista. Negli anni Cinquanta sono stati realizzati altri due corpi di fabbrica, comunemente chiamati “ex liceo”, mentre l'ultimo edificio, che fa da collegamento agli altri, risale agli anni Settanta. I ragazzi che frequentano quotidianamente l'istituto sono circa cinquecento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento