menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cercatori di funghi varcano i confini della riserva naturale integrale di Sasso Fratino e finiscono nei guai

Quella di Sasso Fratino è una riserva naturale integrale, istituita dal Corpo Forestale dello Stato nel 1959

Sono entrati nell'area di riserva integrale di Sasso Fratino, violando così le regole che tutelano gli ecosistemi e disciplinano la raccolta di furti. Due riminesi ed un sammarinese sono stati sorpresi dagli agenti del Coordinamento territoriale per l'ambiente del Corpo Forestale del comando stazione di San Piero in Bagno all'interno della Riserva, nella zona della Lama. Non avevano, per loro fortuna, in quanto la raccolta nelle aree di riserva integrale comporta una denuncia penale ed una sanzione che arriva a 4000 euro. Ciò non toglie che avevano comunque fatto male i loro calcoli, in quanto il divieto di accesso è ben sanzionato: non solo con i 50 euro a norma di regolamento del Parco, ma anche con ulteriori 500 euro per aver disturbato un habitat sotto massima tutela.

Quella di Sasso Fratino è una riserva naturale integrale, istituita dal Corpo Forestale dello Stato nel 1959. E'un lembo di Parco a prevalenza di faggio che ha l'aspetto di una foresta primigenia. Non a caso si è meritata un diploma europeo e fra breve arriverà ad essere parte della rete delle "Foreste vetuste", sotto protezione Unesco. All'interno di essa vivono infatti faggi che arrivano a 515 anni (non "stimati", ma certificati dagli esperti dell'università della Tuscia).

Spiega Marco Mencucci, responsabile del Coordinamento territoriale per l'ambiente del Corpo Forestale del Parco Nazionale: "Le aree di riserva integrale devono essere protette anche dalla curiosità, in quanto la stessa viene suscitata istintivamente da una zona così particolare. Ma questa può determinare impatti significativi, tali da perturbare gli ecosistemi e gli habitat che si vogliono invece preservare. Il Coordinamento territoriale per l'ambiente del Corpo Forestale incaricato della sorveglianza del Parco nazionale, consiglia di verificare bene prima se le zone che si vogliono raggiungere per cercare i funghi o per fare escursioni siano o meno sotto speciale tutela. Si può fare direttamente contattando il Parco o il Coordinamento territoriale per l'ambiente del Corpo Forestale oppure ottenere informazioni nei siti specializzati, primo fra tutti quello istituzionale del Parco. Come è successo ai 3 sprovveduti cercatori di funghi, può costare cara anche la sola ricerca, senza trovare un bel niente, se la si effettua in un area di riserva integrale".

Inoltre, gli amanti della ricerca estrema, magari notturna, devono tener in conto che nel Parco, di notte, non si possono abbandonare i sentieri segnalati ed usare, al di fuori di essi sistemi di illuminazione. Percorrere le aree naturali di notte, non usufruendo della rete escursionistica, è una cattiva abitudine che si rinnova ad ogni stagione dei funghi. Si tratta di una attività pericolosa e costituisce disturbo alla fauna. Le sanzioni, anche queste già sperimentate nei giorni scorsi nella zona di Campigna, arrivano a 100 euro. Nel Parco nazionale delle Foreste casentinesi, di 36.000 ha, le aree a protezione integrale sono 4,  denominate zone "A". In totale coprono circa 1250 ha. La più estesa, 900 ha, è la riserva naturale integrale di Sasso Fratino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento