rotate-mobile
Cronaca Sarsina

Sarsina, bilancio comunale in buona salute: fondo cassa superiore a un milione di euro

Le scorse settimane il Consiglio comunale di Sarsina, entro il 30 aprile, ha discusso ed approvato all’unanimità il rendiconto di gestione 2023, l’anno che sarà ricordato per l’alluvione di metà maggio

Le scorse settimane il Consiglio comunale di Sarsina, entro il 30 aprile, ha discusso ed approvato all’unanimità il rendiconto di gestione 2023, l’anno che sarà ricordato per l’alluvione di metà maggio che ha sconvolto le vite di tanti cittadini richiedendo una risposta straordinaria da parte delle Istituzioni Pubbliche. 
Il consuntivo 2023 si chiude con un fondo cassa di 1.023.102 euro, senza che sia stato necessario utilizzare l’anticipo di cassa, con risparmio di interessi e oneri. 

Il  periodo medio dei pagamenti delle fatture continua ad attestarsi a 17 giorni, con 13 giorni di anticipo rispetto al termine ordinario di 30 giorni, un dato positivo che dimostra la celerità dei pagamenti da parte dell’ente.  Il risultato di gestione è rappresentato da un avanzo “lordo” positivo di 1.033.909 che, al netto dei fondi vincolati e degli accantonamenti per legge, registra un avanzo libero di 412.000 euro. 

L’indice dell’indebitamento rimane costante dopo numerosi anni di forte calo, poiché nel 2023 con lo stato di emergenza, lo Stato ha sospeso il pagamento dei mutui ed il debito residuo, pertanto, non è calato. In ragione di ciò si sono liberate risorse sul bilancio corrente, circa 200.000 euro, che sono state spese per affrontare l’alluvione.

Nel bilancio del 2023 è aumentata la spesa sociale del Comune soprattutto nel comparto scolastico, legato al sostegno scolastico per alunni con disabilità certificate, e nel comparto legato al sostegno dei cittadini evacuati da casa a cui è stato assegnato il contributo autonoma sistemazione. In merito agli investimenti si rilevano circa un milione di euro sulla viabilità comunale relativi alle somme urgenze riconosciute dal commissario alla Ricostruzione Figliuolo per la prima messa in sicurezza di decine di fenomeni franosi.

Di particolare importanza sono stati i lavori di riconversione delle ex scuole di Quarto, per circa 800.000 euro, che diventeranno una comunità alloggio per anziani e termineranno a breve, inoltre è stato effettuato il relamping di circa il 60% dei corpi illuminanti dell’illuminazione pubblica per una spesa di circa 200.000 euro che consentirà di risparmiare e comprimere la spesa energetica. Infine, citiamo altre opere significative quali la riqualificazione del centro servizi a Ranchio per 100.000 euro, la ristrutturazione delle ex scuole di Pieve di Rivoschio per 250.000 euro, e la riqualificazione del Macello Pubblico per 80.000 euro oltre a tanti altri interventi di importo minore che complessivamente portano la spesa per investimenti 2023 a circa 2,5 milioni
Da ultimo preme evidenziare che si è provveduto ad appaltare nella seconda metà dell’anno i lavori finanziati dal PNRR legati alla scuola Beniamina Foschi per 3 milioni.

“Si tratta di un bilancio in salute – commenta il Sindaco Enrico Cangini – che è riuscito a farsi carico dell’emergenza di maggio senza pregiudicare il PNRR ed i finanziamenti già ottenuti e generando comunque un avanzo di competenza di 400.000 €euro E’ stato un anno particolarmente sfidante dove gli uffici hanno avuto un carico di lavoro eccezionale, dovuto all’alluvione, e per questo ringrazio tutti i dipendenti comunali e gli amministratori.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sarsina, bilancio comunale in buona salute: fondo cassa superiore a un milione di euro

CesenaToday è in caricamento