Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Sanità privata, la Cgil: "Senza il rinnovo del contratto pronti allo sciopero"

"Dopo aver manifestato davanti a Villa Erbosa a Bologna, una delle più importanti cliniche private del territorio, adesso busseremo alla porta dei vertici delle parti datoriali che in maniera del tutto inedita"

"Firma o sciopero. Di fronte al voltafaccia di ARIS e AIOP, è questa l’unica alternativa per arrivare al tanto atteso rinnovo del CCNL della sanità privata scaduto da oltre 14 anni". Lo afferma in una nota la Cgil cesenate.

"E così, dopo aver manifestato davanti a Villa Erbosa a Bologna, una delle più importanti cliniche private del territorio, adesso busseremo alla porta dei vertici delle parti datoriali che in maniera del tutto inedita (mai vista nella storia della contrattazione) prima hanno prima sottoscritto la pre intesa sul testo del rinnovo del CCNL e poi non si sono presentate alla sottoscrizione definitiva.  Con un presidio regionale, domani (mercoledì 5 agosto) saremo quindi a Cotignola (Ravenna), dalle 10 alle 12, davanti al Maria Cecilia Hospital, amministrata dal presidente regionale di Aiop.  Ci aspettiamo persone da tutti i territori. Sarà sicuramente una mattinata calda vista la situazione di grande tensione che si sta sviluppando in tutte le strutture, dove le lavoratrici e i lavoratori non ci stanno a restare senza contratto in un contesto in cui i profitti della sanità privata crescono, le strutture si ingrandiscono e i pazienti aumentano sempre di più", conclude Raffaella Neri della FP CGIL Cesena.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità privata, la Cgil: "Senza il rinnovo del contratto pronti allo sciopero"

CesenaToday è in caricamento