Sanità, l'intervento di Lucchi: "Il dibattito deve partire dal fatto che siamo primi in Italia"

“L'Emilia-Romagna è al primo posto in Italia (davanti e Lombardia, Toscana e Trentino Alto Adige) per qualità dell'offerta sanitaria"

“L'Emilia-Romagna è al primo posto in Italia (davanti e Lombardia, Toscana e Trentino Alto Adige) per qualità dell'offerta sanitaria e capacità di rispondere ai bisogni di salute della popolazione (come certifica la rilevazione del "Meridiano sanità regional index", elaborata da "The european house-Ambrosetti"). E’ anche la Regione che ha “dettato” tempi e modi dell’agenda politica nazionale in campo sanitario, come è ormai evidente a chiunque ricordi le scelte ‘copia/incolla’ concretizzate ormai da tutti, delle nostre decisioni su vaccini e liste d’attesa, per esempio”: è quanto rileva il sindaco Paolo Lucchi, intervenendo sul dibattito sulla sanità.

“E’ poi la Regione che, più di ogni altra, ha investito sulla qualità sanitaria diffusa e l’Ausl Romagna è parte di questo progetto, al quale i Sindaci del nostro territorio – in costante collaborazione positiva con il Presidente Stefano Bonaccini e con l’Assessore Sergio Venturi, ai quali va riconosciuta una visione d’insieme che è parte dei nostri progetti di comunità - stanno lavorando quotidianamente, con l’obiettivo di tutelare al meglio i cittadini e le loro aspettative di vita. Il dibattito regionale sulla nostra sanità deve quindi prima di tutto partire da questo metro di giudizio (e non da altro): gli amministratori pro tempore del territorio non possono mai dimenticarlo, poiché è parte dell’agire che deve caratterizzarci ogni giorno”, conclude Lucchi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento