Massacrata di botte la notte di Capodanno: muore dopo 10 giorni

E' giallo sulla morte di Gabriella Filippi, 55enne di San Mauro Mare, massacrata di botte da due individui nella notte di Capodanno e deceduta venerdì scorso

E' giallo sulla morte di Gabriella Filippi, 55enne di San Mauro Mare, massacrata di botte da due individui nella notte di Capodanno e deceduta venerdì scorso all'ospedale “Maurizio Bufalini” di Cesena. La Procura di Forlì ha aperto un'inchiesta, disponendo l'autopsia per chiarire le cause del decesso. L'esame si è svolto sabato. Nel frattempo sono in corso le indagini dei Carabinieri di San Mauro Pascoli, diretti dal luogotenente Sebastiano Virruso, che hanno ascoltato alcune persone del posto.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la donna, residente in un condominio sul lungomare Ruggero Pascoli, era uscita poco prima della mezzanotte del 31 dicembre per una passeggiata col proprio cane. Tornata a casa, si è imbattuta in due individui che stavano forzando la vetrata di un negozio estivo. I malviventi si sono avventati contro la donna, picchiandola con calci e pugni fino a farla stramazzare per terra in una pozza di sangue. Quindi sono fuggiti, facendo perdere le loro tracce.

La 55enne è stata soccorsa da un guardiano notturno, che ha provveduto a riaccompagnarla a casa dopo che la stessa non aveva voluto che si chiamasse il 118. Alcune ore più tardi si è recata al pronto soccorso, dove è stata medicata. Giovedì scorso è tornata all'ospedale dopo aver accusato forti dolori allo sterno e difficoltà respiratorie. Poi il decesso. L'esito dell'autopsia svolta sabato servirà a chiarire le cause del decesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La 55enne fu coinvolta in grave fatto di cronaca accaduto nel milanese. Secondo l'accusa aveva partecipato in un duplice omicidio il 22 ottobre del 1992. Per la morte dell'orefice Luigi Gregorat e della sua assistente Simonetta Pin, Filippi fu condannata a 28 anni di reclusione. La sammaurese si era sempre detta estranea ai fatti: dopo otto anni di detenzione, è stata scarcerata per le sue condizioni di salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento