Non parlano italiano. Processo tutto da rifare per una coppia di cinesi

Nascondevano dodici operai in un vano segreto nella propria ditta di San Mauro Pascoli. Era il 2008 quando i carabinieri li hanno scoperti. Si riparte da capo

Tutto da rifare nel processo che vede imputata una coppia di cinesi. Era il 2008 quando i carabinieri di San Mauro Pascoli, nel corso di indagini volte a contrastare il lavoro nero e individuare i clandestini, avevano scoperto un vano segreto nella loro ditta di produzione di capi d'abbigliamento. Era bastato verificare la planimetria originale per scoprire che c'era qualcosa di strano dietro a quel mobile: una porta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'edificio era stato diviso in due con una parete in cartongesso, erano stati ricavati posti letto per 12 operai cinesi che non facevano altro che lavorare e dormire in condizioni igieniche precarie. L'operazione, già discutibile sul piano umano, non era stata regolarizzata su quello normativo. La parete era stata edificata senza alcun permesso e nasceva quindi la necessità di nasconderne l'accesso. I 12 cinesi furono identificati e sono risultati tutti in regola; solo uno non aveva il permesso ma era in fase di regolarizzazione. I due coniugi hanno riportato lo stabile alle dimensioni originarie ma non è bastato a far cadere le denunce nei loro confronti.

Nella giornata di venerdì la pratica è stata discussa nel tribunale di Cesena davanti al giudice De Paoli. Nell'aula, tra le parti offese, era presente anche il sindaco di San Mauro Pascoli Miro Gori. Ma, come accennato sopra, è tutto da rifare. Infatti alla coppia di coniugi, che aveva segnalato il fatto di non parlare italiano, non è stato consegnato il decreto di citazione nella loro lingua. L'iter prevede quindi che i documenti tornino in Procura affinché la citazione sia tradotta in cinese in maniera tale che i due possano comprendere i reati contestati. Non si può certo parlare di un passo in avanti per la giustizia. Ancora non si sa quando i due torneranno a varcare le aulee del tribunale per essere giudicati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento