San Mauro, la Rsa: "Qui zero casi tra anziani e operatori, la guardia resta altissima"

La responsabile di Villa Celeste, Residenza Alloggio Anziani di San Mauro Mare, e parla del momento difficile alle spalle, e della fase attuale in cui è necessario non abbassare la guardia

Francesca Amato è la coordinatrice responsabile di Villa Celeste, Residenza Alloggio Anziani di San Mauro Mare, e parla del momento difficile alle spalle, e della fase attuale in cui è necessario non abbassare la guardia.

Casi di positività in Villa Celeste?

 E’ stata una fase 1 lunga, stressante e impegnativa, ma una battaglia vinta con dedizione e sforzo di tutto il  personale : OSS, infermieri, animatori: zero contagi fra gli ospiti, zero fra il personale. Gli esami sierologici e i tamponi di questi giorni hanno riconfermato che da febbraio siamo riusciti a tenere Covid19 lontano da noi e da Villa Celeste

Le misure precauzionali ?

Già prima dei protocolli nazionale e regionale avevamo  chiuso ai familiari e ai fornitori, con procedure di  costruzione del rapporto video-telefonico coi familiari.  Abbiamo già attivo da febbraio un   uso accurato dei dpi specifici (mascherine, guanti, camici, calzari, visiere, gel alcolico), di cui avevamo fatto in tempo provvista, inoltre abbiamo controllato due volte al giorno la temperatura corporea a  tutti gli operatori e tutti gli ospiti. Estrema precauzione e controllo nei casi di nostri ospiti che ritornavano da cure in ospedale o pronto soccorso, con disposizioni di quarantene. Ci siamo poi sempre auto-raccomandati – noi dipendenti - durante la fase 1, per un  comportamento sociale e personale adeguato: al di fuori della struttura, solo casa e famiglia

Come hanno vissuto gli anziani ospiti , questa dura situazione? 

Gli anziani ospiti di Villa Celeste erano ben consapevoli della drammatica situazione esterna, seguivano i telegiornali, ma hanno avuto fiducia nel nostro lavoro e sono stati pazientissimi a sopportare la lontananza fisica dei familiari. Il personale e le animatrici sono stati poi bravissimi a coinvolgerli, accentuando la fase di animazione e di attività quotidiane per distrarli dalla bufera Covid e intrattenere così i nostri nonnini anche con l’aiuto della tecnologia, con frequenti telefonate e videochiamate, creando un collegamento, seppure virtuale ma pur sempre vicino e affettuoso con i loro parenti più stretti.

Che succede con la fase 2 e 3 ?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la fase 2  resta altissima la guardia, continua l’utilizzo dei dpi,  proseguiamo  un controllo per chi tra i nostri ospiti ritorna da cure o ricoveri ospedalieri. E’ attivo, aderendo ai protocolli della Regione e AUSL, il controllo sierologico quindicinale del personale, e tamponi per noi e gli ospiti.  Continua l’utilizzo dei dpi, proseguiamo il controllo della temperatura a tutti gli operatori e ospiti, continuiamo a sanificare l’intera struttura due volte al giorno e con l’ordinanza firmata in data 12 giugno, ci siamo attivati nel programmare visite di un familiare per volta, con due appuntamenti al giorno, presi in anticipo con la Responsabile di struttura, durata massima di 30 minuti l’uno, in ambiente esterno, modulistica da firmare prima dell’incontro e dpi obbligatori da indossare. E finalmente da lunedì 22 giugno, apriamo le porte, ai parenti dei nostri ospiti per potersi vedere e parlarsi in modo tranquillo, un metro di distanza, mascherina obbligatoria per tutta la durata dell’incontro, ovviamente non potranno abbracciarsi ma vedersi dopo più di tre mesi, è davvero emozionante.  Nelle nostre grandi sale e nell’ampio giardino, diamo impulso - ora anche con l’arrivo dell’estate -  alle multiformi attività , uscendo in giardino , praticando quotidianamente qualche minuto di ginnastica dolce, a ritmo di musica per un sereno risveglio muscolare, giardinaggio, karaoke, conversazioni di gruppo e attività manuali con la digito-pittura per dare un tocco di colore a vasi e piccole statue ornamentali, organizzando mostre con “Mandala” colorati dai nostri “artisti nonnini”: attività che devono sostanziare il nostro motto, che è in fondo anche la nostra mission: “Avrò cura di te”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento