menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La casa in cui il disperso ha trovato rifugio

La casa in cui il disperso ha trovato rifugio

Salvato in ipotermia, ha passato la notte col gatto in un riparo sul passo dei Mandrioli

E' stato tirato su con un verricello, l'operatore quando è sceso dall'elicottero è affondato fino alla vita nella neve. Il tutto a mezzora dal tramonto

E' stato tirato su con un verricello, l'operatore quando è sceso dall'elicottero è affondato fino alla vita nella neve. Il tutto a mezzora dal tramonto, a poche ore da quando le temperature sarebbero scese anche sotto i -15 gradi. Il disperso era già in stato di ipotermia e non “sentiva” più mani e piedi. E' il contesto operativo in cui hanno dovuto operare i vigili del fuoco che martedì sera hanno salvato un sessantenne di Partina, vicino a Bibbiena, disperso al passo dei Mandrioli. L'elicottero dei vigili del fuoco ha dovuto operare per questo proprio sul crinale, dove era più esposto ai venti.

VIDEO - In stato di ipotermia, salvato sui Mandrioli
VIDEO - Show della neve, dalle colline di Borello alle strade di montagna

E' da un ristorante e hotel abbandonato, in cui si è rifugiato come poteva, che il soggetto, assente da casa da lunedì, ha lanciato l'allarme spiegando di essere bloccato, intorno alle 17.45 di martedì. A quanto sembra l'uomo, prima di lanciare la richiesta di aiuto poco prima che la luce del sole calasse dietro i monti, aveva passato la notte precedente e la giornata nello stesso punto, raggiunto a piedi, da solo se non per un gatto tenuto nello zaino (e issato con lui col verricello), con temperature rigidissime. Tutta la strada dei Mandrioli, che viaggia per diversi chilometri in quota e con strapiombi panoramici, è chiusa per l'inverno sia nel versante romagnolo che che in quello toscano. Le ultime nevicate hanno lasciato sulla sede stradale neve alta un metro. Impossibile quindi raggiungere il disperso via terra con un mezzo di soccorso. L'alternativa all'elicottero sarebbe stata una marcia a piedi per diversi chilometri da Badia Prataglia o da Bagno di Romagna. 

Il sessantenne toscano è stato quindi portato, in stato cosciente, all'ospedale di Arezzo per le cure del caso. L'uomo, in stato confusionale, non ha saputo dare spiegazioni sul perché si trovasse lassù, sostenendo di essere con amici che poi però l'avrebbero lasciato solo e chiedendo al personale dell'elicottero di essere lasciato dove avrebbe parcheggiato la macchina.

Cesenate nella morsa del gelo:

Disperso sul passo dei Mandrioli: salvato dall'assideramento
Il maltempo miete due vittime per malori connessi al freddo
Chiusura delle scuole giovedì: la mappa dei Comuni
Blocco dei Tir, gli artigiani: "Una non emergenza"
Gli interventi per garantire l'accessibilità ai seggi
Allerta arancione: nuove nevicate in arrivo
Notte con minime fino a -15 gradi
Bob, palle di neve e pupazzi: la settimana bianca a Cesena
Disagi per i pendolari sui treni
Obbligo di gomme termiche o catene a bordo su tutte le Statali
Blocco dei Tir, la mappa assurda in Romagna
Appello dell'Ausl: "Uscite solo se necessario"
Il dramma: trovata morta sull'argine del Savio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una bontà tradizionale: la ricetta delle Pesche dolci all'alchermes

Arredare

Divano nuovo? Ecco i consigli per non sbagliare l'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento