Rubicone, Psc: al via la fase conclusiva per disegnare insieme il futuro di tre città

Entra nel vivo il confronto partecipativo per licenziare lo strumento di pianificazione urbanistica intercomunale tra Savignano, San Mauro e Gatteo

Nuova tappa per il percorso istituzionale del Psc intercomunale tra i comuni di Savignano, San Mauro e Gatteo: esaurita la fase conoscitiva, per lo strumento di programmazione urbanistica si entra ora nel vivo dell’iter per la definitiva entrata in vigore. I consiglieri comunali dei tre Comuni sono infatti impegnati, in queste settimane, in un ciclo di incontri per acquisire piena consapevolezza di quello che sarà lo strumento asse portante dello sviluppo urbanistico dei prossimi quindici anni.


Secondo i dettami della legge regionale 20 del 2000, infatti, il Psc deve “delineare le scelte strategiche di assetto e sviluppo e per tutelare l’integrità fisica ed ambientale e l’identità culturale e sociale del territorio”. “Non più solo un “Piano Regolatore” che disciplina gli usi del suolo - spiegano i tre sindaci Giovannini, Garbuglia e Vincenzi - ma un vero strumento di governo del territorio, che traccia la strada per la promozione dello sviluppo economico a partire dalle risorse esistenti e definisce l’assetto complessivo del territorio dettando gli indirizzi per i successivi atti di pianificazione. L'innovativa scelta di procedere insieme si basa sulla consapevolezza della sostanziale omogeneità delle caratteristiche ma soprattutto sulla stretta integrazione ed interdipendenza degli assetti insediativi, economici e sociali, che in futuro sono destinati a diventare ancora più interrelati e armonici”.


A maggio 2014 la conclusione dei lavori di concertazione - durati tre mesi - della Conferenza di Pianificazione, a cui hanno partecipato Regione, Provincia, amministrazioni competenti al rilascio dei pareri, le associazioni economiche e sociali e molti altri, ha portato alla sottoscrizione dell'accordo con la Provincia di Forlì Cesena ratificando la condivisione delle linee strategiche definite dal documento preliminare, prima piattaforma su cui sviluppare poi il Psc. Ora, dopo due anni di lavoro di progettazione, questo sviluppo è realtà, e ci si avvia quindi al processo conclusivo: ottobre e novembre sono dedicati al percorso partecipato (dapprima con i consiglieri, poi con un incontro pubblico) per giungere all’adozione a fine anno. Da allora sarà possibile presentare istanze e osservazioni e proseguirà il percorso partecipativo “Uffici e amministrazioni aperte”, per giungere all’approvazione a dicembre 2017.

Temi sviscerati man mano nel percorso partecipativo appena avviato saranno, tra gli altri, gli scenari futuri della rete infrastrutturale, la realizzazione di una nuova Apea (Area produttiva ecologicamente attrezzata) a sud del casello A14, il diverso sviluppo dell’area ad alta centralità che già oggi connette i tre territori comunali e il potenziamento delle reti ecologiche, ma soprattutto il punto cardine del progetto: la rigenerazione urbana. “L’inversione di rotta – concludono i sindaci - sta proprio nel concepire il processo di qualificazione della città non come ulteriore sviluppo insediativo, ma in termini di rigenerazione del tessuto, efficienza energetica e prevenzione del rischio sismico ed idrogeologico, per incrementare la qualità dell’ambito urbano in cui si opera in termini di organizzazione spaziale, dotazioni territoriali, servizi alla popolazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

Torna su
CesenaToday è in caricamento