Risonanza magnetica al 2019? La risposta dell'Ausl: "No, ad oggi l'attesa è di un mese"

I tempi di attesa per la risonanza magnetica? Sono entro i due mesi. E' il contenuto della risposta che l'Ausl Romagna dà alla cittadina

Foto di repertorio

I tempi di attesa per la risonanza magnetica? Sono entro i due mesi. E' il contenuto della risposta che l'Ausl Romagna dà alla cittadina che, con una segnalazione postata su CesenaToday, lamentava dei tempi di attesa indicati dal Cup telefonico al 2019, vale a dire due anni e due mesi dopo la prenotazione. Invece lo stesso esame, a Ravenna, è stato prenotato celermente. Tuttavia secondo l'Ausl Romagna i tempi per le risonanze magnetiche sono tutti entro i due mesi, anche perché se si sforano quei tempi l'aziensa sanitaria pubblica si avvale dei servizi delle case di cura private convenzionate. Ad oggi per fare una risonanza magnetica tra le più comuni a Cesena con la sanità pubblica, il tempo medio di attesa è di circa un mese.
 
Si spiega dettagliatamente nella nota: “Nella segnalazione si parla di “risonanza magnetica non urgente”, senza specificarne la tipologia, e pertanto si presume che la signora dovesse prenotare una risonanza magnetica programmabile. Quelle maggiormente richieste e oggetto di monitoraggio da parte della Regione sono le risonanze magnetiche all’addome, cerebrale, della colonna e muscoloscheletrica. Per queste tipologie di prestazioni l’Azienda USL della Romagna garantisce il rispetto dei tempi di attesa indicati dagli standard regionali (60 giorni) sia nel territorio di Cesena che in quello di Ravenna”.

Inoltre si spiega che “la risonanza magnetica rientranella committenza con i privati accreditati, presso i quali, è attivo anche il Percorso di Garanzia che offre al cittadino, nel caso di superamento dei tempi di attesa, l’opportunità di ricevere la prestazione in una delle strutture private accreditate convenzionate con l’Azienda USL. I tempi di attesa per le risonanze magnetiche sono pertanto garantiti tramite l’offerta complessiva aziendale, cui concorrono a pieno titolo anche le strutture private accreditate. Va infatti chiarito che il tempo di attesa si intende rispettato quando almeno una struttura del territorio provinciale di riferimento garantisce la prestazione entro i tempi”.

Questi i dati che fornisce l'Ausl: “Da una verifica effettuata ieri sulle agende di prenotazione risulta che nel territorio di Cesena, per una risonanza magnetica all’addome la prima disponibilità  è il 5 aprile 2017 all’ospedale Bufalini, per una risonanza cerebrale il 27 marzo 2017 alla San Lorenzino, per la risonanza della colonna il 24 marzo 2017 alla San Lorenzino , per la risonanza muscolo scheletrica il 10 aprile 2017 all’ospedale Bufalini. Analoghi tempi di attesa si riscontrano nel territorio ravennate, dove il primo posto disponibile per una risonanza magnetica all’addome è il 24 aprile 2017 al Maria Cecilia Hospital di Cotignola, per una risonanza magnetica cerebrale è il 27 aprile 2017 al Maria Cecilia Hospital di Cotignola, per una risonanza della Colonna è il 15 marzo 2017 all'ospedale privato Domus Nova e per una risonanza muscolo scheletrica è il 27 marzo 2017 al Centro Socio sanitario di Cervia”.

L'invito dell'Ausl alla segnalante è di rivolgersi all'Urp dell'azienda sanitaria: “Si può quindi supporre che la signora, al momento della prenotazione, abbia scelto come sede di erogazione della prestazione l’ospedale Bufalini (scartando quindi le altre strutture private cesenati, ndr).  A ogni modo, poiché non si conoscono tutti i dati utili ad accertare le specifiche del caso, l’Azienda USL invita la Signora a rivolgersi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’ambito di residenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento