menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cesenatico, si recupera l'evasione sui rifiuti: avvisi a 1.400 "furbetti della Tari"

"Poter gestire direttamente la banca dati ci consente di svolgere un'attività efficace di controllo soprattutto in tema di contrasto all'evasione ed elusione fiscale"

Con il nuovo anno, il servizio di riscossione della Tari di Cesenatico, la tassa sui rifiuti,  viene gestito direttamente dall’amministrazione comunale. La scelta si è resa necessaria per far fronte principalmente all'obiettivo di avere il controllo diretto della banca dati, che necessita di un'azione manutentiva, ottenendo al contempo un contenimento di costi. “Poter gestire direttamente la banca dati – spiega l’assessore al bilancio Amaducci - ci consente di svolgere un’attività efficace di controllo soprattutto in tema di contrasto all'evasione ed elusione fiscale, obiettivo prioritario dell'amministrazione comunale. Non è stato certamente semplice tornare ad una gestione diretta del tributo. Fin dai primi giorni dell’anno abbiamo assistito a file continue ai nostri sportelli poiché molti contribuenti si sono presentati agli uffici comunali per avere chiarimenti rispetto agli atti notificati".

Alla data attuale gli atti di accertamento emessi per omesso o parziale versamento del tributo Tares 2013 e Tari 2014 notificati nel 2016 ammontano ad 945mila euro circa (comprensivi di sanzioni ed interessi), di questi ne risultano pagati circa 205mila euro e per i non pagati sono stati emessi atti ingiuntivi. Nei primi giorni di marzo sono stati notificati oltre 1.400 avvisi di accertamento Tari 2015 relativi ad omessi-parziali pagamenti della tassa per un totale di 826mila euro circa. Per questi avvisi al momento non è possibile ancora fornire un riscontro dei versamenti. Infine, gli accertamenti notificati nel corso del 2016 e relativi ad utenze mai dichiarate o dichiarate infedelmente per le annualità 2013-2014-2015 sono stati complessivamente oltre 1.600 per un totale accertato comprensivo di sanzioni ed interessi di oltre un milione di euro; di questi risultano essere stati versati 255mila euro circa

“Ringrazio l’assessore al bilancio per il grosso lavoro svolto e tutto il personale dell'ufficio tributi - conclude il sindaco Matteo Gozzoli - per l'intenso lavoro che stanno svolgendo da alcuni mesi, un lavoro prezioso e straordinario di bonifica e manutenzione della banca dati trasmessa da Hera che purtroppo presentava molteplici anomalie ed incongruenze rispetto la situazione reale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento