Ripartono i "Piedibus", il Comune è alla ricerca di volontari per il progetto

Il Comune di Bagno di Romagna è alla ricerca di volontari da impegnare nel Piedibus, per dare la possibilità a più bambini di partecipare e di attivare nuove linee nel paese

Ormai da alcuni anni sono numerosi i bambini che aderiscono a questo servizio di mobilità gratuito e alternativo all’auto, e anche quest’anno è ripartita la campagna per raccogliere le iscrizioni e arruolare i nuovi volontari.

Il Comune di Bagno di Romagna è alla ricerca di volontari da impegnare nel Piedibus, per dare la possibilità a più bambini di partecipare e di attivare nuove linee nel paese.

Il Piedibus è un autobus che va a piedi, è formato da un piccolo gruppo di bambini che vanno a scuola accompagnati da due adulti volontari: un “autista” davanti e un “controllore” che chiude la fila. È un modo sicuro, ecologico e divertente per andare e tornare da scuola. Il Piedibus, come un vero autobus di linea, parte da un capolinea e seguendo un percorso stabilito raccoglie passeggeri alle “fermate” predisposte lungo il cammino, rispettando l’orario prefissato. Se un bambino dovesse ritardare sarà responsabilità dei suoi genitori accompagnarlo a scuola.

Il Piedibus viaggia col sole e con la pioggia e ciascun partecipante indossa gilet ad alta visibilità. Lungo il percorso i bambini chiacchierano con i loro amici, scoprono regole utili sulla sicurezza stradale e imparano ad essere autonomi. I percorsi sono stati definiti in collaborazione con la Polizia Municipale allo scopo di individuare quelli più idonei e sicuri. 

Il Piedibus deve prestare servizio con continuità: ogni volontario può indicare la propria disponibilità di tempo e su questa base saranno organizzati il piano e gli orari di accompagnamento in modo da distribuire l'impegno di ciascuno e da prevedere eventuali sostituzioni in caso di necessità.

I volontari possono essere mamme, papà, nonni, zii, pensionati e tutte le persone che vogliono fare una passeggiata con i bambini e rendersi utili! Tutti i bambini e gli adulti coinvolti nel Piedibus sono soggetti a copertura assicurativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Partecipare alla realizzazione di questo progetto - dichiara l’assessore Enrica Lazzari - significa dare un contributo attivo al miglioramento della qualità della vita della nostra comunità e dei bambini. È un'occasione per consentire loro la possibilità di fare un'esperienza di autonomia, di sviluppare l'autostima e di socialità. Promuovere l’andare a scuola a piedi è un modo per cercare di rendere il territorio più vivibile, meno inquinato e pericoloso. Dobbiamo cominciare a cambiare le nostre abitudini e il Piedibus ci consente una scelta semplice ed efficace.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento