Rimini Summer Pride, "Il Comune di Cesena conceda il patrocinio gratuito"

Fondamenta ha recapitato la richiesta al sindaco Lattuca: "Sarebbe un segno di apertura verso la manifestazione"

"Oggi abbiamo inviato al Sindaco Enzo Lattuca, all’Assessore alla Cultura e all’Inclusione Carlo Verona e a tutto il consiglio comunale, una richiesta formale per concedere il patrocinio gratuito del Comune di Cesena al prossimo Rimini Summer Pride, il Pride della Romagna, che si terrà il 27 luglio sul lungomare di Rimini". La richiesta arriva da Luca Capacci e Elia Tosi, di Fondamenta-Cambiamo Cesena dal basso.

"Abbiamo scelto oggi, 28 giugno, perché ricorrono i 50 anni dai primi “moti di Stonewall” di New York, quando persone LGBT, in seguito a un decennio di discriminazioni e persecuzioni, cominciarono le prime mobilitazioni per il riconoscimento dei propri diritti. Col tempo, quei moti sono diventati delle manifestazioni mondiali, i “Gay Pride” intesi come “fierezza gay”, concetto opposto alla vergogna".

Fondamenta esprime una riflessione: "Purtroppo, ancora oggi ci sono molti paesi nel mondo in cui l’omosessualità è ancora un reato, punito con ammende, con la detenzione, l’ergastolo o, in alcuni casi, con la morte; in Italia sono ancora numerosissimi in Italia i casi di omofobia, declinati in vari modi (dall’attacco verbale  a violenze) e in diversi contesti (famigliare, scolastico, lavorativo). Anche Cesena non ne è immune, basti pensare alla macabra manifestazione organizzata da Forza Nuova in occasione della seconda unione civile in città".

"Nelle scorse edizioni, - proseguono Capacci e Tosi - diversi altri Comuni anche non della provincia di Rimini, come Ravenna e Cesenatico, hanno concesso il patrocinio alla manifestazione. Abbiamo chiesto quindi che anche il Comune di Cesena lo conceda, dando così un segno di apertura verso la manifestazione, verso le persone che parteciperanno (siano esse omosessuali, bisessuali o eterosessuali, poco importa), verso le famiglie arcobaleno ancora poco considerate e spesso discriminate (soprattutto i figli delle coppie), verso una comunità che lotta per vedere riconosciuti uguali diritti e doveri, e verso tutte le persone, perché i diritti civili sono diritti di tutti. Si tratta di un gesto piccolo ma ricco di importanza, di vicinanza e attenzione a tante persone per molto tempo ignorate e, purtroppo, ancora oggi discriminate. Si segnerebbe la grande volontà di avere una città e un territorio davvero inclusivo, per tutte e tutti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento