Cronaca

Rifiuti, nel 2021 estensione del porta a porta. E politiche più rigide contro gli abbandoni

Nel periodo gennaio-novembre 2020, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, Hera ha raccolto +16% di carta e cartone e altrettanto di plastica, +15% di oli vegetali, +7% di umido e +13% di rifiuti tessili

Aumentare sia la coscienza civica dei cittadini che la percentuale di rifiuti differenziati. Si basa su questo presupposto l’attività svolta nel corso del 2020, continuando ad aumentare le percentuali di raccolta differenziata e migliorando la qualità del servizio svolto, anche riducendo gli abbandoni nei territori di confine. Per questa ragione il servizio di raccolta integrale, nel corso degli ultimi 12 mesi, è approdato anche nelle aree del forese di Borello, San Carlo, Valle Savio, Pievesestina, coinvolgendo circa 3 mila utenze, mentre ad ulteriori 3.500 utenze delle zone residenziali degli stessi quartieri è stata verificata la dotazione dell’indifferenziato fornendo un contenitore ad uso esclusivo per la sua raccolta anche alle utenze all’interno dei condomini. Proprio a partire da gennaio infatti saranno rimossi i contenitori condominiali ad uso comune. Tale attività sarà un tassello essenziale verso la tariffa puntuale, dando modo di “misurare” il rifiuto prodotto da ogni famiglia, anche nei contesti condominiali, oltre a supportare nell’identificazione delle utenze, riducendo le possibili evasioni.

"Come già detto in sede di Consiglio comunale - commenta l’Assessora alla Sostenibilità Ambientale, Francesca Lucchi - il  progetto del porta a porta troverà una sua conclusione nel 2021 anche con l’attuazione del servizio misto nel quartiere Rubicone. Sempre nel nuovo anno affronteremo il problema dell’abbandono di rifiuti con ulteriori politiche di contrasto mirate e certamente più rigide che comprenderanno una campagna informativa messa a punto con il gestore. È ferma intenzione dell’Amministrazione condannare le cattive condotte di conferimento dei rifiuti, tutelando la città e valorizzando il territorio e l’ambiente, anche nel rispetto dei tanti cittadini che svolgono correttamente la raccolta dei rifiuti”.

Tuttavia, i dati parlano chiaro: nel periodo gennaio-novembre 2020, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, Hera ha raccolto +16% di carta e cartone e altrettanto di plastica, +15% di oli vegetali, +7% di umido, +13% di rifiuti tessili, il tutto registrando un -20% di rifiuto indifferenziato. Pertanto, nel corso del 2021 il porta a porta misto (solo per indifferenziato e organico) sarà esteso alle circa 1500 utenze domestiche e non domestiche del quartiere residenziale Rubicone e il porta a porta integrale sarà esteso nella parte restante del forese, per un totale di circa 4 mila utenze, e sarà completato nelle aree artigianali del territorio comunale. Per entrambe le aree sono previsti incontri online con la cittadinanza e una capillare attività di distribuzione dei materiali informativi che sarà avviata dal 9 gennaio. "Questo sistema - prosegue l'assessore - garantirà un miglioramento del decoro cittadino e della quantità/qualità della raccolta differenziata e promuoverà una gestione responsabile dei rifiuti da parte di tutti i cittadini. La finalità è di recuperare quantità sempre maggiori di materiali riciclabili, che restano risorse preziose per l’ambiente: attualmente nel territorio comunale di Cesena la percentuale di raccolta è del 68,5%, molto vicino all’obiettivo da raggiungere del 70%, come previsto dal Piano Regionale dei Rifiuti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, nel 2021 estensione del porta a porta. E politiche più rigide contro gli abbandoni

CesenaToday è in caricamento