Al via la ricostruzione del ponte fra Sala e Bulgarnò danneggiato dal maltempo

Tenuto conto del tracciato dello scolo Rigoncello in quel punto e dell'elevato rischio di erosione, nei punti più critici del tratto interessato, in ingresso e in uscita del ponte, verranno posizionati dei massi ciclopici in pietra naturale calcarea. I lavori si protrarranno per circa due mesi

Foto di repertorio

Sono partiti in questi giorni i lavori per la ricostruzione del ponte sulla via del Mare, fra Sala e Bulgarnò, danneggiato dal maltempo dell’estate scorsa. Il ponticello sarà ricostruito con uno scatolare prefabbricato delle dimensioni interne di 4,5x2 metri per una lunghezza di 8 metri. In questo modo si darà alla struttura una capacità di portata idraulica maggiore rispetto al passato e dunque in grado di rispondere meglio alle caratteristiche del sottostante torrente Ringoncello.

“Sappiamo che l’apertura di questo cantiere era molto attesa – osservano  il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi –, perché la demolizione del ponte e la conseguente chiusura della via Sala hanno causato disagi di circolazione soprattutto per i residenti, di cui ci scusiamo. Proprio perché consapevoli di questa situazione abbiamo cercato di accelerare il più possibile i tempi, anche se le procedure sono state più lunghe del solito. Questo perché il ponte è al confine fra i territori di Cesena e Cesenatico e quindi  il progetto ha richiesto che venisse siglata una convenzione fra i due Comuni. Anche le soluzioni  tecniche sono state individuate in modo da velocizzare i tempi: in questa direzione va, appunto, la scelta di utilizzare uno scatolare prefabbricato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’opera sarà completata con muretti di contenimento in cemento armato e barriere di protezione. Tenuto conto del tracciato dello scolo Rigoncello in quel punto e dell’elevato rischio di erosione, nei punti più critici del tratto interessato, in  ingresso e in uscita del ponte, verranno posizionati dei massi ciclopici in pietra naturale calcarea. I lavori si protrarranno per circa due mesi. L’ importo complessivo del progetto ammonta a 50mila, ripartiti al 50% fra i Comuni di Cesena e Cesenatico, perché proprio il ponte segna il confine fra i due Comuni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento