rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Cronaca Centro 

Riapre il bar del Teatro Bonci, ristoro per gli spettatori e una "palestra" per inserire i più fragili nel mondo del lavoro

Al Teatro Bonci sabato 1 ottobre, in occasione dell’inizio della stagione teatrale, gli spettatori ritroveranno le porte del bar aperte sul Foyer: si ripristina, infatti il ristoro caffetteria e drink, molto richiesto dal pubblico, con una nuova gestione e il nome di Caffè del Teatro

Al Teatro Bonci di Cesena, sabato 1 ottobre, in occasione dell’inizio della stagione teatrale, gli spettatori ritroveranno le porte del bar aperte sul Foyer: si ripristina, infatti il ristoro caffetteria e drink, molto richiesto dal pubblico, con una nuova gestione e il nome di Caffè del Teatro.  Per rendere possibile la riapertura e valorizzare l’attività del locale, connotata da un carattere di servizio piuttosto che di esercizio commerciale, Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale ha condiviso con ASP (Azienda pubblica di Servizi alla Persona) del distretto Cesena Valle Savio e Techne, l’agenzia formativa pubblica della Provincia di Forlì-Cesena, un progetto che ne farà un luogo di formazione e di integrazione sociale. 

Alla conferenza stampa sono intervenuti: il Presidente ERT Giuliano Barbolini, il Direttore ERT Valter Malosti, la Coordinatrice del Teatro Bonci Cosetta Nicolini, l’Assessore ai Servizi Culturali e Inclusione del Comune di Cesena Carlo Verona, la Presidente di ASP del distretto Cesena Valle Savio Elena Baredi, il Presidente di Techne Sergio Lorenzi.

GUARDA IL VIDEO

"Il gioco di squadra con due partner pubblici come ASP e Techne, votati alla crescita della comunità attraverso l’inclusione e il sostegno alle sue parti più fragili, ha reso possibile una ipotesi nuova e molto interessante per la gestione del servizio, in una prospettiva di affidabilità economica ma con un’indubbia e meritoria valenza sociale. Come Fondazione, siamo particolarmente lieti dell’avvio di questo ambizioso progetto, che ribadisce la connotazione del Teatro Bonci come luogo aperto a tutte le cittadine e i cittadini e di cura delle relazioni sociali e va nella direzione di investire sulla realtà locale sviluppando sempre più sinergie con le istituzioni e i soggetti che operano sul territorio. L’iniziativa si inserisce in un variegato spettro di azioni promosse dal Teatro Nazionale dell’Emilia Romagna sulla città di Cesena e per il Bonci" sottolineano il Presidente ERT Giuliano Barbolini e il Direttore ERT Valter Malosti.

Un team di tutor e professionisti guiderà alcuni allievi nel ristoro al pubblico, coinvolgendoli in un’esperienza diretta sul campo. La possibilità di accedere al corso riguarda 6 persone individuate da ASP nell'ambito dei servizi gestiti per l'integrazione delle persone fragili, avviate alla formazione dopo una apposita selezione tra coloro che si è valutato possano trarre più utilità da questo percorso per acquisire maggiore autonomia. 

Dichiara la Presidente di ASP del distretto Cesena Valle Savio Elena Baredi: "Con questa iniziativa, che ancor di più lega il teatro alla sua città, davvero i servizi culturali diventano motore sociale, umano ed economico per la qualità di vita di una comunità. Il teatro è il luogo per eccellenza dell’incontro, dello scambio dei pensieri. In teatro vedi e ascolti la rappresentazione delle fiabe, dei drammi e delle commedie antiche ed eterne. Ricordando Calvino, che ci ha insegnato che le fiabe di ogni tempo sono vere perché riguardano i destini di ogni uomo e di ogni donna in ogni tempo, quest’anno, con questo progetto che vede collaborare tre istituzioni pubbliche, tentiamo di scrivere un nuovo e possibile canovaccio di opportunità, di lavoro e di inclusione per alcune persone che abitano la nostra città provenienti da altre terre".

caffè del teatro-3
 
"Techne attraverso la gestione del Caffè del Teatro avvia la prima esperienza di impresa formativa nella provincia di Forlì Cesena» chiarisce il Presidente di Techne Sergio Lorenzi. «L’allievo, infatti, fragile o disabile, acquisisce competenze, praticando il mestiere, beneficiando di supporto pedagogico e di accompagnamento socio-lavorativo. L’obiettivo è che lo studente apprenda attraverso l’esperienza in un vero contesto lavorativo, non simulato, relazionandosi con i clienti. In questo modo si dà una risposta concreta e di valore a persone disoccupate, che potranno, al termine del periodo di formazione, essere inserite nel settore del turismo e della ristorazione".

"L’intervento operativo e progettuale nell’ambito della formazione professionale volto a favorire lo sviluppo sociale, sanitario, culturale, ambientale ed economico sul territorio è del resto la mission di Techne, Società consortile a responsabilità limitata a capitale interamente pubblico di proprietà dei comuni di Cesena (50%) e di Forlì (50%). Un ringraziamento particolare a Estados Cafè, azienda forlivese da tempo impegnata in ambito sociale, che ha collaborato all’allestimento del locale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapre il bar del Teatro Bonci, ristoro per gli spettatori e una "palestra" per inserire i più fragili nel mondo del lavoro

CesenaToday è in caricamento