San Mauro, la situazione economica del Comune: cala l'indebitamento pro-capite

Il bilancio complessivo del Comune di San Mauro Pascoli presenta una spesa corrente pari a 11.511.00 euro

Diminuzione dell'indebitamento, aumento degli investimenti e del patrimonio dell'Ente, e una particolare attenzione per le risorse impegnate per i servizi scolastici e le famiglie, senza aumentare la pressione fiscale per i cittadini. Sono questi i dati rilevanti del bilancio consuntivo del 2017, approvato durante la seduta del Consiglio comunale di giovedì ed illustrato dal sindaco Luciana Garbuglia e dall'assessore al bilancio Albert Alessandri.

Il bilancio complessivo del Comune di San Mauro Pascoli presenta una spesa corrente pari a 11.511.00 euro. Sul piano contabile, il rendiconto 2017 presenta un avanzo di 3.310.110 di euro, dei quali quasi 2,5 milioni sono rappresentati da fondi imposti dalle normative mentre l'avanzo libero dell'anno è pari a 811mila euro, considerando le spese di dubbia eseguibilità e i ribassi d'asta dei lavori eseguiti durante l'anno, che concorrono alla formazione dell'avanzo, e che non sono spendibili nel corso dell'anno stesso. Rilevante è il dato sull'indebitamento dell'ente che è diminuito di 385.387 euro (-10,2% sul 2016). Attenzione è stata posta all'organizzazione del personale alle dirette dipendenze dell'Ente le cui unità sono in continua diminuzione e attualmente contano 43 dipendenti con un rapporto di un dipendente ogni 277 abitanti. 

Entrate

Le entrate correnti di natura tributaria sono state 6.847.390,73 euro su un totale di entrate valide ai fini dei saldi di finanza pubblica pari a 11.203.572,93 euro. Nel corso del 2017 non sono state aumentate le aliquote e tariffe: rispetto all’esercizio precedente risultano in calo l'Imu e la Tasi e resta stabile l'addizionale Irpef, mentre crescono i proventi dalle pubbliche affissioni e dalla Tosap. L'attività di controllo ed accertamento (Imu, Ici, Tia e Tares) ha permesso di recuperare circa 177mila euro. 

"I trasferimenti statali correnti ricevuti dal Comune di San Mauro Pascoli ormai sono molto bassi – spiega l'assessore Alessandri -  ammontano infatti a circa 400mila euro. Notevoli sono invece  le entrare da trasferimenti statali per investimenti: l’Ente ha infatti beneficiato di 838mila euro di trasferimenti per opere d’investimento: l'Amministrazione è riuscita infatti ad intercettare  risorse messe a disposizione da Stato e Regione per il finanziamento dei nostri progetti”. 

I proventi da contravvenzioni sono pari a 508.770,30 euro (+58mila sul 2016 accertati). “Viene mantenuto quindi un alto livello di investimenti e abbiamo ridotto il livello dell'indebitamento del Comune - continua l'assessore -. Il debito residuo al 31 dicembre 2017 ammonta infatti a 3.398.001,68 euro, in ulteriore e continuo calo rispetto al trend degli ultimi anni (-385mila euro sul 2016). Il debito pro capite si attesta quindi a 284,85 euro (-37euro sul 2016)". 

Spesa

Sul fronte della spesa corrente il rendiconto di gestione è sostanzialmente stabile, con una leggera riduzione di circa 5mila euro.

Investimenti

Nel 2017 sono stati realizzati investimenti per 2.490.981,07 euro e lavori in corso per 1.591.440,21 euro. Tra gli impegni assunti sugli investimenti, vanno segnalati gli interventi principali: la conclusione della realizzazione scuola elementare “G. Zavalloni”, l’avvio dei lavori di miglioramento sismico della sede municipale e del teatro a Villa Torlonia,  i lavori di riqualificazione delle strade (vie Tosi, Raggi, Oberdan e Sozzi, altri intereventi minori per la viabilità nel Capoluogo per le vie Bellaria, Alfieri, Modigliani, Villagrappa, Trenta, Giotto e a San Mauro Mare per le vie Morigi, Suez, Tirreno). Altre spese di investimento quali: la realizzazione dell’impianto di videosorveglianza a Villa Torlonia, l’acquisto di un fondo di documentazione fotografica per il Museo Casa Pascoli, il rinnovo del parco veicoli ed acquisto di altre attrezzature per il servizio di Polizia Municipale.

“Il nostro è un Comune sano dal punto di vista finanziario e ben organizzato, che nel corso degli anni ha posto un’attenzione crescente nei confronti delle famiglie, delle nuove povertà, dei servizi scolastici, educativi e culturali - ha concluso il sindaco -. Un Comune che è riuscito ad intercettare risorse fondamentali partecipando ai bandi per il finanziamento per realizzare importanti investimenti, intervenendo sulle strade e sul patrimonio pubblico, qualificando i servizi alla persona per non lasciare indietro nessuno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento