menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raid vandalico all'hotel dei profughi, pochi elementi per partire con le indagini

Pochi elementi da cui ripartire nelle indagini: i carabinieri della compagnia di Cesenatico hanno qualcosa in mano per scovare i tre vandali che nella notte tra venerdì e sabato hanno seminato il panico all'hotel Sintini

Pochi elementi da cui ripartire nelle indagini: i carabinieri della compagnia di Cesenatico hanno qualcosa in mano per scovare i tre vandali che nella notte tra venerdì e sabato hanno seminato il panico all'hotel Sintini, la struttura alberghiera lungo viale Carducci che accoglie circa 40 profughi di varie nazionalità dell'operazione Mare Nostrum.


I militari, insomma, non hanno solo la denuncia tra le mani e sono determinati a gettare luce sui quest'inquietante episodio. Gli inquirenti sono abbottonati, ma qualche riscontro oggettivo c'è, brandelli di immagini e di testimonianze, anche se sarà difficile riannodare il tutto su precisi nomi e cognomi, e soprattutto moventi. Per ora, infatti, i carabinieri procedono con i piedi di piombo: l'ipotesi di reato è solamente di danneggiamenti, nessun riferimento esplicito all'odio razziale o simili aggravanti anche perché non c'è nulla, ad ora, che faccia chiaro riferimento a questo sfondo. Mentre i vandali colpivano il cortile dell'hotel Sintini, infatti, nessuna frase ingiuriosa sarebbe stata indirizzata ai profughi-immigrati ospiti nell'hotel, che ha vinto un bando della Prefettura, assieme alla cooperativa Cad, per la gestione temporanea dei 40 soggetti provenienti dall'operazione Mare Nostrum.


Purtroppo c'è da dire anche che la mancata chiamata d'emergenza al 112 nell'immediatezza dei fatti ha dato un notevole vantaggio ai vandali, che sono riusciti a dileguarsi in tutta tranquillità. Dentro, invece, intorno alle tre di notte, il personale e gli ospiti si sono chiusi nelle rispettive stanze, sentendo i rumori all'esterno. Secondo la denuncia, tre persone avrebbero scavalcato la recinzione dell'hotel e avrebbero distrutto con dei bastoni un lampioncino e alcune sedie. Il danno in sé ammonta a poche centinaia di euro, ma resta l'ombra del razzismo sull'episodio.

I Comuni non danno posti, la Prefettura si rivolge ad un hotel per 40 profughi

Chi sono i profughi di Cesenatico? Daniel racconta il suo viaggio nel Mediterraneo

Inizio settembre: arrivano i primi profughi a Cesenatico

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento